VIN D'ORANGES

Questa è una ricetta che posso solo consigliare di fare in dosi molto abbondanti perchè è semplice, molto gradevole e che con il caldo e la bella stagione andrà giù che è un piacere!



Importante, occorre un boccale in vetro, a collo largo e con tappo, molto capiente, da 3 litri quindi andate a cercare nelle cantine dei nonni.

INGREDIENTI PER CA. 2 LITRI

1,5 litri di vino rosato di buona qualità (2 bottiglie)
300 gr di zucchero
4 arance succose non trattate (buccia edibile) La ricetta originale prevede 3 arance amare e 1 dolce
il succo di mezzo limone
1 stecca di vaniglia
150 ml di alcol da liquori

PROCEDIMENTO

Predisporre il boccale ben pulito (anche il coperchio) se non dovesse chiudere in modo totalmente ermetico useremo poi della pelluttcola per garantire una buona chiusura.

Lavare le arance, io non ho mai trovato arance amare al nord quindi uso arance normali, purchè con buccia edibile.
Affettare le arance trasversalmente eliminando solo i due poli, (ca. 5 - 6 fette per ogni arancia) e metterle nel boccale, aggiungere lo zucchero, la stecca di vaniglia (o in alternativa un cucchiaino di estratto di vaniglia naturale, non di vanillina), il succo di limone, l'alcol e per finire il vino rosato.




Chiudere il più ermeticamente possibile, nel mio caso visto che ho dei barattoli con tappo in vetro che non sarebbero a prova di evaporazione, ho prima messo uno strato di pellicola sul barattolo tenendolo un po' morbido in modo da poter permettere al tappo di infilarsi, poi ho arrotolato il tappo e il collo del barattoli con diversi giri di pellicola.




Lasciare in infusione per 40 gg, agitando di tanto in tanto o aprendo e girando con un cucchiaio lungo, avendo cura di ri sigillare al meglio tutte le volte.
Trascorso il tempo, filtrare il tutto, spremere le arance ed eliminarle, risciacquare la stecca di vaniglia se l'avete usata e lasciatela seccare (può essere frullata in polvere per essere ancora usata)
Filtrare nuovamente, idealmente attraverso un filtro di carta o un sacchetto per latte vegetale in modo da rendere il vino il più limpido possibile. Imbottigliare e se ci riuscite non consumare prima di due mesi.




Servire ben fresco in bicchieri da vermouth

Nota: è normale che dopo poco le arance tendano a galleggiare ecco perché occorre agitare ogni tanto.  Come ho detto in alto, la ricetta originale prevede l'uso di 3 arance amare e di una dolce, io l'ho fatto in precedenza con le sole arance dolci e il risultato è comunque molto gradevole.

Una volta imbottigliato, ho recuperato le arance che erano ancora molto belle, le ho messe in un boccale adatto, e ho coperto con vino rosso, zucchero e vaniglia.
Nel  mio caso visto che avevo fatto una dose doppia, si trattava di 8 arance a fette, 6 cucchiai di zucchero, un cucchiaino di vaniglia naturale, e 2 litri di vino rosso tipo cabernet.  Lascierò in infusione per almeno un paio di settimane, poi conto filtrare il tutto, spremere bene il succo dalle arance, regolare di zucchero se occorre, aggiungere un pochino di brandy (andrò a gusto) e imbottiglierò fino al momento di usarlo.



Commenti

Post popolari in questo blog

Orchidee Phalenopsis, consigli di coltivazione

Liquore ai fiori di Acacia (o Robinia)

SPEZZATINO DI MANZO CON VERDURE MISTE IN INSTANT POT