Post

Visualizzazione dei post da Febbraio, 2010

Adesso basta con i Preti Pedofili

E' vero in questo periodo sono in fase di contestazione. In questi giorni si parla dell'ennesimo scandalo dei preti pedofili, ne parla anche il telegiornale, ci sono prelati psicologi che si occupano di curarli, poveretti!!!! Ma è ora di finirla con l'ipocrisia, il vaticano continua a far finta di accusare questa predisposizione, dicono che sono cose spregevoli, ma sono solo parole al vento. In effetti pochi sono quelli che sanno che è proprio il nostro attuale Papa, che, prima di diventare pontefice, era preposto alla stesura e alla messa in pratica della procedura da applicare nel caso in cui un prete venisse accusato di pedofilia. Contrariamente a quanto un benpensante potrebbe supporre, la procedura in questione, prevede prima di tutto il tentativo di mettere a tacere la cosa, inizialmente cercando di intimorire le persone interessate con le buone o con le cattive. Se poi questo non è sufficiente ci sono anche dei fondi a disposizione per mettere la cosa sotto sile

Sfogo bassamente culturale

Ok, è vero, lo ammetto, io la TV la guardo, mi piacciono soprattutto i films e i telefilms quindi ho scelto di avere quella a pagamento. Non guardo praticamente nessun reality a parte Ballando con le stelle, mi piace veder ballare, ma le polemiche che sistematicamente compaiono mi fanno veramente scappare la pazienza, è mai possibile che tutti i programmi debbano avere gente che litiga? mi chiedo se è proprio così vero che le persone che guardano la TV cerchino veramente quel tipo di manifestazioni, e poi ci si chiede perchè le persone sono così impazienti nella vita, perchè si sparano ogni 3 per 2.... è normale, pensano che sia quello il modo di vivere. E poi, ma non se ne può più di quella donzella che, non ha vinto l'isola, ma che ci stanno proponendo in tutte le salse, in tutte le pubblicità, su tutti i cartelloni pubblicitari, e adesso è anche prevista a San Remo, e mo basta! Non ci sarà mica solo lei! Prossimamente la faranno santa, sta togliendo il lavoro a tutte le al

Di Mais di Alimentazione e di OGM in generale

Per chi riceve i canali Sky, segnalo un interessante trasmissione che va in onda in questi giorni sul Canale Current , si chiama: Cosa Mangiamo , una trasmissione molto interessante se si vuole capire cosa si nasconde dietro il cibo che mangiamo, dalla coltivazione alla filiera della distribuzione. Due neolareati americani, hanno cercato di capire il motivo per il quale la nuova generazione rischia un'aspettativa di vita inferiore a quella dei loro genitori a causa delle malattie metaboliche in rapido aumento. Una trasmissione che andrebbe divulgata veramente a tutti. Il titolo originale in inglese è King Korn (Re Mais) dice già tutto. Se avete Sky, cercate di vederla, Current ripete le sue trasmissioni in giorni diversi. Ecco anche il link al Sito di Current, è interessante da visitare: http://current.com/. Invece, copio e incollo dal sito de La leva di Archimede, che a sua volta riprende un articolo apparso sul Corriere della sera del 27 gennaio, nel quale Giulia Maria Crespi

Ulteriore aggiornamento in merito alle Pentole in Teflon

Traggo dalla newsletter di naturopata on line Pentole antiaderenti e pfoa: oltre al rischio tumore in pericolo la tiroide Una sostanza chimica trovata nelle pentole antiaderenti e nelle confezioni di alcuni prodotti alimentari è associata alle malattie della tiroide. Queste le conclusioni di uno studio condotto da un gruppo di ricercatori della University of Exeter e pubblicato sulla rivista Environmental Health Perspectives. La sostanza in questione è il 'Pfoa' acido perfluorottanico e si trova quasi dappertutto in casa Lo studio ha infatti dimostrato che livelli elevati di questa sostanza nel sangue sono collegati a un maggior rischio di sviluppare malattie alla tiroide. Precedenti studi l'hanno collegato al rischio cancro. Ora è stata nuovamente messa sul banco degli imputati. Lo studio ha infatti dimostrato che livelli elevati di questa sostanza nel sangue sono collegati a un maggior rischio di sviluppare malattie alla tiroide. Il rischio è raddoppi