lunedì 30 aprile 2007

Ultime sulla stevia

Le mie piantine di stevia stanno crescendo, le ho già potate per farle accestire un pochino di più e ho messo a seccare i rametti.
Nel frattempo ho ricevuto dalla Germania anche lo stevioside, la polvere bianca estratta dalla stevia.
Non ricordo se ve lo avevo accennato nei miei post precedenti, ma la stevia ha un forte aroma di liquirizia, le foglie triturate sono molto dolcificanti ma il retrogusto di liquirizia può essere di disturbo in alcune preparazioni. Il problema è meno evidente se si usa lo stevioside che viene estratto dalle foglie di stevia, l'aroma non è del tutto eliminato ma si può utilizzare con maggiore facilità. Lo stevioside dolcifica 300 volte più dello zucchero e si può diluire in acqua per ottenerne un estratto idroalcolico più semplice da utilizzare. L'alcol è presente solo in piccole quantità per garantirne la conservazione evitando di mettere la boccetta in frigorifero, in questo modo si può portare nella borsa e usare all'occorrenza. ne bastano 4-5 gocce per dolcificare una tazzina di caffè, comunque questo varia a seconda dei propri gusti.

6 commenti:

fiorella9 ha detto...

salve, sono interessata alla stevia e vorrei importarla in italia. poichè la pratica è estremamente complessa sono in giro per blogs per capire se c'è un reale interesse per questa straordinaria pianta ed i suoi estratti.
Cosa ne pensate?
Mi butto?

grazie
fiorella

marinella ha detto...

Cara Fiorella, al momento in italia la pianta si trova con una relativa facilità, io l'ho acquistata in francia, ma ho poi trovato un vivaista proprio nella mia zona. a mio parere più che la pianta sarebbe interessate lo stevioside che al momento si può reperire in germania o in svizzera, tuttavia visto che come dolcificante è vietato nella comunità europea, l'unica è trovare una scappatoia, mi sembra che in germania dichiarano che è un additivo per preparare creme per la pelle o qualche cosa di simile. Non essendo possibile publicizzarla come dolcificante la vedo ancora difficile. Suggerisco l'estratto perchè ha un sapore meno marcato di liquirizia, le foglie seccate sono buone ma coprono tutti gli aromi con il loro retrogusto di liquirizia quindi risultano più difficili da usare. Credo che il fatto di non poter raggiungere ufficialmente i potenziali acquirenti potrebbe essere un problema, non saprei proprio cosa consigliarti. In italia occorre informare molto. Se ti lanci nell'impresa comunque fatti viva e buona fortuna.

marinella ha detto...

Fiorella, volevo ancora aggiungere che tra i miei amici ai quali ho raccontato della stevia, diversi sarebbero interessati a reperirla sul mercato per fare una prova.

fiorella ha detto...

effettivamente le cose sono proprio come tu le hai descritte ed io importerei come cosmetico piuttosto che come alimento, visto che non si può.
dal momento che hai già esperienza - se la cosa va in porto - posso tenerti presente per mandarti un campioncino per farmi sapere cosa ne pensi? non so quanto tempo ci vorrà perchè la cosa non è ancora partita ma sarebbe utile avere un tuo commento disinteressato.
grazie marinella, fammi sapere
fiorella

marinella ha detto...

Sono sicuramente disponibile se ti posso essere di qualche aiuto, quindi fatti sentire sul blog o via mail, inoltre io mi sto specializzando in naturopatia e questo potrebbe essere un inizio di "collaborazione", chi può dirlo.
Un abbraccio e in bocca al lupo, dammi tue notizie mi farebbe piacere.

virginia ha detto...

ciao, qualche giorno fa ho sentito parlare della stevia e mi hanno anche parlato del fatto che è illegale, ho letto in uno dei tuoi messaggi che però e possibile trovarla...puoi dirmi come e dove?? la mia mail è bohebasta@hotmail.com
io vivo nelle marche ma non ho problemi a spostarmi...
grazie
virginia