martedì 12 luglio 2016

PANE SENZA GLUTINE DI FARINA DI COCCO E SEMI DI LINO

Fare il pane senza glutine evitando il più possibile l'uso di cereali non è semplicissimo, ma questa ricetta direi che è interessante, il pane ottenuto è decisamente piacevole, non lievita esageratamente ma viene comunque alveolato e non risulta troppo compatto.





Ingredienti per uno stampo da plum cake 20cm. x 10cm. (misure interne)

½ cup di farina di cocco (40 gr. ca.)
½ cup di semi di lino ridotti in farina (non ½ cup di farina di lino) (70 gr. ca.)
½ cucchiaino di sale
1 cucchiaino di bicarbonato
1 cucchiaino di aceto bianco
4 uova intere bio (io da galline razzolanti)
¼ di cup di olio EVO 60 ml (extravergine di oliva)

Procedimento:

Mescolare gli ingredienti liquidi in una terrina
Mescolare gli ingredienti secchi (avendo cura di distribuire bene il bicarbonato)in una seconda terrina
Unire i liquidi ai secchi, si otterrà un impasto piuttosto denso, versarlo in uno stampo rettangolare da plum cake ben unto o foderato di carta forno, io ho usato uno stampo 10 x 20, ma si ottengono fette abbastanza basse, per fette più alte raddoppiare la ricetta o usare uno stampo più piccolo.



Infornare a 180° per circa 40 minuti o fino a che uno stecchino infilzato nel pane non esca  pulito
Lasciar intiepidire e sformare.



Il sapore è veramente gradevole.

Questa ricetta è adatta alla FMD F3, e alla Paleo



CONOSCETE IL VIRGIN MOJITO?

Fa caldo, il giardino è pieno di menta, ci starebbe bene un bel mojito, ma l'alcol col caldo? meglio di no! Quindi buttiamoci sui cocktail analcolici.

Il Vergin Mojito è proprio un mojito senz'alcol

Ingredienti per 1 bicchiere

1  lime tagliato a quartini
1 rametto di menta
1/2 cucchiaio di zucchero di cocco o di xilitolo di betulla
Acqua gassata ben fredda
Ghiaccio

Attrezzatura:

1 bicchiere largo e abbastanza alto
l'apposito pestello o qualche accessorio adatto a sostituirlo
1 cannuccia spessa

Procedimento:

Mettere nel bicchiere la menta ben lavata, lo zucchero, almeno un quartino di lime e pestarli col pestello, l'obiettivo è di liberare gli oli essenziali dalla menta e dal lime.
Unire le restanti fettine di lime (magari spremendole per estrarre il succo) aggiungere il ghiaccio e l'acqua gassata fino a riempire il bicchiere e servire subito



 Nota: Lo zucchero di cocco è uno zucchero naturalmente a basso indice glicemico, ma è pur sempre uno zucchero, anche se più sano di altri, quindi va usato senza eccedere, lo xilitolo di betulla anche lui ha un indice glicemico piuttosto basso, è un interessante sostituto dello zucchero, ma anche in questo caso meglio dosarlo con parsimonia in quanto potrebbe dare disturbi intestinali alle persone particolarmente sensibili.  In alternativa ad entrambi in questo cocktail è possibile usare dell'estratto di stevia purissima, ne basta solo la punta di un coltello, in genere la stevia rende meglio quando è abbinata a sapori acidi come in questo caso.


mercoledì 6 luglio 2016

LA RATATOUILLE DI REMY



Tra le ricette dei film la Ratatouille è sicuramente una delle più gettonate, e in questa stagione è il momento di provarla. Oltretutto devo approfittare del fatto che ho finalmente trovato le zucchine gialle!



Ingredienti (le dosi sono approssimative) per una pirofila tonda di 28 cm:

Per la ratatouille
1 bella melanzana lunga
2 zucchine verdi
2 zucchine gialle
4 pomodori perini
2 cucchiai di olio evo
Sale q.b.
1 pizzico di origano

Per la salsa Piperade
1 peperone giallo carnoso
1 peperone rosso carnoso
1 cipolla dolce media
1 scatola di pomodorini ciliegini bio
1 spicchio di aglio
1 cucchiaino di origano
2 foglie di basilico
Sale e pepe q.b.
2 cucchiai di olio evo

Procedimento:
Per prima cosa mettere i peperoni ad abbrustolire in forno per 30 minuti, girarli di ¼ di giro e cuocerli per almeno altri 20 minuti. Lasciarli raffreddare in un posto chiuso, io li lascio nel forno perché uso quello piccolino.
Una volta freddi spellarli, pulirli e tritarli al coltello.
Per preparare la salsa io uso il Bimby, ma si può fare benissimo in un tegame a fondo spesso.
Mettere la cipolla e l’aglio nel boccale e tritarli, spingere bene tutto verso il basso, aggiungere l’olio e far dorare a 100° per circa 8 minuti.
Scolare i pomodorini attraverso un colino per eliminare il sugo (conservarlo per altro) mettere i pomodorini nel boccale e cuocerli per 10 minuti a 100 °
Unire i peperoni tritati, salare, aggiungere l’origano, il pepe se lo usate e cuocere tutto insieme per altri 10 minuti a 100°.
Una volta trascorso il tempo, frullare velocemente il tutto.

Mentre la salsa cuoce, preparare le verdure, che vanno tutte affettate, le zucchine con la mandolina, la melanzana e i pomodori con un coltello con i dentini.
Iniziare anche ad alternare le fettine di verdure, 1 fetta di melanzana, una di pomodoro, zucchina verde, zucchina gialla e poi ripetere, in un vassoio
Appena la salsa è pronta, versarne circa la metà sul fondo della pirofila, poi disporre le fettine alternate nella teglia sopra la salsa. Devono essere ben fitte, in sbieco e abbastanza verticali ma non troppo.



Spolverare il tutto con sale e origano, dare un giro di olio e coprire il tutto con un cerchio di carta forno, leggermente rimboccato verso il basso.
Infornare a 180° per circa 1 ora, poi togliere la carta e cuocere ancora per un’altra mezz’ora circa.





 
Una volta sfornata lasciarla intiepidire, oppure addirittura raffreddare del tutto, è ancora migliore il giorno dopo.  Si serve condita con un mix di olio, aceto balsamico e sale.

Le verdure affettate residue possono essere utilizzate per fare una bella frittata

ZUCCHINE TONDE RIPIENE

Ricetta facilissima





Ingredienti per 3 - 6 porzioni

3 zucchine tonde medie
Circa 500 gr di carne tritata magra
100 gr di farina di mandorle o in alternativa di pan grattato se lo usate
1 uovo
1 cucchiaino di origano
Sale e pepe q.b.
1 filo di olio evo

Procedimento:

Pulire le zucchine, tagliarle a metà e cuocerle a vapore per circa 15 minuti, poi lasciarle intiepidire per poterle maneggiare.  Con un cucchiaio scavarle e mettere la polpa a scolare in un colino.
In una terrina mettere la carne tritata, aggiungere il sale, l’origano, la polpa delle zucchine strizzata e tritata grossolanamente, unire l’uovo intero mescolare, aggiungere la farina di mandorle, o il pan grattato, mescolare bene e riempire le zucchine con questo mix.
Un giro di olio e infornare le zucchine per circa 20 minuti a 180 °

  

Questa ricetta  è adatta alla FMD F3 se si usano le mandorle, oppure F1 se si usa del pan grattato adatto alla FMD

martedì 5 luglio 2016

SFORMATO DI VERDURE FACILE FACILE

Oggi sono finalmente riuscita a trovare le zucchine gialle, era da parecchio che avrei voluto provarle ma dalle mie parti non si vedevano.
Ne ho subito approfittato per mettere insieme un bel sformato di verdure miste.

Ingredienti per una pirofila tonda da 28 cm:

2 zucchine verdi
2 zucchine gialle
1 melanzana lunga
2 pomodori cuore di bue non troppo grossi
Olio evo per ungere la pirofila e per condire
sale q.b.
50 gr. di parmigiano reggiano, o in alternativa un mix di farina di mandorle e lievito alimentare in scaglie.



Procedimento:

Prima di tutto affettare con una mandolina le zucchine, devono essere spesse non più di un paio di millimetri (attenzione però a non farle troppo sottili e inconsistenti)

 
Con un coltello ben affilato tagliare a rondelle anche la melanzana, eventualmente dopo averla divisa in metà.  Idealmente servirebbero verdure tutte all'incirca dello stesso diametro, ma non è semplicissimo da fare quindi occorre adattarsi.

Con un coltello dentellato, affettare anche i pomodori, cercando sempre di mantenere uno spessore costante.


Mettere ogni verdura in un contenitore diverso.
Ungere la pirofila con un filo d'olio, poi con pazienza alternare una fettina per ogni colore, verde, giallo, viola, rosso, e riempire la pirofila di fettine avendo l'accortezza di posizionale in sbieco, leggermente verticali e abbastanza compatte.

 
Per finire, spolverare il tutto con il sale e passare un filo di olio su tutte le verdure.
Spolverare con il parmigiano o con il mix di mandorle e lievito in scaglie e infornare per circa 45 minuti.



Questa ricetta, nella versione senza parmigiano è adatta alla FMD F3

Domani con le verdure avanzate Ratatouille, quindi tornate a trovarmi



domenica 3 luglio 2016

INSALATA RUSSA HOMEMADE CON UN PICCOLO AIUTO

Fa caldo e l'insalata russa fresca è molto piacevole, solo che vorrei evitare maionese comprata e ingredienti strani, quindi la facciamo in casa.

Per velocizzare la preparazione, prendo un preparato per insalata russa congelato, sono solo verdure tagliate già alla misura giusta che possono essere lessate o cotte a vapore.

Io le cuocio a vapore con il varoma Bimby, ma una qualsiasi cottura a vapore va bene.



Ingredienti per circa 6 porzioni:

1 confezione di verdure per insalata russa congelate da 450 gr
3 cucchiaiate colme di cetriolini piccolini (più sono piccoli meglio è)
1 dose di Maionese fatta in casa con un uovo intero (un bicchiere circa) ricetta qui
1/2 barattolo di tonno sottolio conservato in vetro e sgocciolato

Procedimento:

Cuocere a vapore le verdure, io porto a bollore l'acqua nel bimby per 6 minuti a 100°, poi metto il cestello del varoma verso le verdure congelate nel cestello, copro con l'apposito coperchio e faccio cuocere per 9 minuti a temperatura varoma (120°)
Una volta cotte, le risciacquo velocemente sotto acqua fredda per bloccare la cottura e raffreddarle, e le lascio sgocciolare sempre nel cestello.  Dopo qualche minuto tampono con carta da cucina tutta l'eventuale umidità residua e travaso le verdure in una terrina.

Tagliare i cetriolini a pezzetti piuttosto piccoli e aggiungerli fare lo stesso con i filetti di tonno, devono essere sbriciolati ma  non intrisi di olio (ecco perché il tonno conservato in vetro è migliore)
Mescolare le verdure e il tonno, unire la dose di maionese (circa 1 bicchiere) mescolare nuovamente e mettere in frigo fino al momento di servire.

Note: a qualcuno potrebbe piacere aggiungere alle verdure un'ulteriore patata cotta a vapore e tagliata molto piccola, questo rende l'insalata russa ancora più legata, io in genere non lo faccio per non alzare troppo l'indice glicemico dell'insalata stessa.

COME FACCIO LA MAIONESE?

La maionese non è certo un mistero, ma alcune persone hanno dei problemi a farla in casa, forse perché pensano che sia difficile o che possa impazzire, ma in realtà con alcuni accorgimenti la maionese è veramente facile da fare.



Qui sotto vi metterò alcuni metodi, funzionano tutti molto bene

Metodo n° 1 con le fruste elettriche

Ingredienti: 
2 uova intere oppure 2 tuorli (dipende se si vuole una maionese più o meno gialla e più o meno densa)
1 cucchiaio di aceto caldo
1 cucchiaino di sale
300 - 350 ml di olio di semi (io uso semi di vinacciolo bio) 
il succo di mezzo limone

Procedimento:

Mettere le uova, l'aceto caldo e il sale in una terrina capiente, appoggiata in sbieco sul bancone della cucina grazie ad un asciugapiatti piegato, messo sotto e da un lato.  Questo serve ad avere gli ingredienti più raggruppati.
Con l'aiuto di un frullatore con le fruste, iniziare a montare a velocità lenta, poi aumentare leggermente la velocità e iniziare ad unire l'olio a filo. Il sale e l'aceto caldo agiranno come catalizzatori facilitando l'emulsione.
Procedere aggiungendo olio a filo fino a terminarlo, si noterà che man mano la maionese inizia a prendere e si legherà sempre di più e sarà possibile aumentare la velocità.
Alla fine, assaggiare, regolare di sale, aggiungere il succo di limone e mettere in un barattolo, si conserverà in frigo per almeno 4 gg.
Se avrete usato 2 uova intere otterrete una maionese più bianca e più fluida, se avrete usato solo i tuorli la maionese sarà più gialla e più compatta.

Metodo n° 2 con il magic bullet

Ingredienti:
1 uovo intero
1 cucchiaio di aceto
1 cucchiaino di senape di digione
1/2 cucchiaino di sale
il succo di mezzo limone
circa 200 ml di olio di semi di vinacciolo
facoltativo 3 - 4 gocce di olio essenziale di limone bio (Ve lo consiglio vivamente)

Procedimento:

Mettere l'uovo intero nel contenitore piccolo del bullet, unire sale, aceto e senape, aggiungere circa 100 ml di olio, chiudere con le lame e azionare per pochi secondi. Fare attenzione a stringere bene se no si risciano travasi di maionese.  Aprire il contenitore, aggiungere l'olio rimanente e azionare di nuovo l'apparecchio per pochi secondi, la maionese si legherà perfettamente e diventerà bellissima.
La densità dipenderà un po' dalla qualità delle uova, ma generalmente viene molto bene e molto rapidamente.

Metodo n° 3 con il frullatore ad immersione

Ingredienti:
1 uovo intero
1 cucchiaio di aceto
1 cucchiaino di senape di digione
1/2 cucchiaino di sale
il succo di mezzo limone
circa 200 ml di olio di semi di vinacciolo
facoltativo 3 - 4 gocce di olio essenziale di limone bio (Ve lo consiglio vivamente) 

Procedimento:

Mettere nel bicchiere alto del frullatore ad immersione (oppure in un barattolo a collo largo tipo barattolo delle olive, nel quale possa entrare il piede del frullatore) l'uovo, il sale, l'aceto, la senape, e tutta la dose di olio.
Inserire delicatamente il piede del frullatore nel liquido fino in fondo e avviarlo, senza muoverlo
lasciare che l'uovo inizi ad emulsionarsi in fondo, quando si vede che inizia a legare, incominciare ad alzare leggermente il piede per permettere ad un po' di olio extra di raggiungere l'emulsione, e continuare a frullare. Abbassare e rialzare leggermente, senza fare mai movimenti troppo ampi e troppo bruschi, man mano che si frulla la maionese si forma dal basso, basterà alzare progressivamente e abbassare quindi rialzare fino a che tutto l'olio sia assorbito.
Unire il succo di limone e le gocce di olio essenziale e la maionese è pronta.

Nota:
L'olio essenziale aggiunto alla fine, permette di aromatizzare la maionese, l'o.e. di limone è il più usato, ma anche quello di arancio è perfetto soprattutto se si usa la maionese per del pesce.
Si possono aggiungere anche altri tipi di Olio Essenziale: rosmarino, zenzero, pepe, dragoncello, anche lavanda, ma attenzione, solo se usate gli agrumi 3 o 4 gocce vanno bene, se usate altri oli essenziali usatene solo una goccia, assaggiate e valutate si sia il caso di aggiungere, ma in genere una goccia è sufficiente, gli oli essenziali sono molto potenti.

A questo proposito: ricordate sempre di usare solo oli essenziali veri, non olio aromatizzato, devono essere ottenuti in corrente di vapore (per distillazione) oppure, ma solo per gli agrumi, a pressione.
Qualche curiosità: 
- l'olio essenziale di limone è un coadiuvante per la digestione e per il fegato
- l'olio essenziale di dragoncello aiuta contro il singhiozzo
- l'olio essenziale di menta è utile per la digestione e per migliorare l'alito
- Lavanda, limone e menta, sono gli oli che non dovrebbero mai mancare in casa, si possono usare sia come aromi alimentari naturali che in aromaterapia.

Per esempio: 
- o.e. di limone una goccia sciolta nell'olio per condire l'insalata è ottimo per aiutare il lavoro del fegato e profumerà meravigliosamente l'insalata
- o.e. di menta in diffusione per la chiarezza mentale, se usato in diffusione nell'auto aiuta a rimanere svegli alla guida
- o.e. di lavanda, puro sulle punture di insetti, puro tra le dita dei piedi per contrastare le micosi, una goccia su piccole ulcerazioni ed infiammazioni serve come cicatrizzante e disinfettante, una goccia assieme ad una di limone e volendo una di menta, per fare una fantastica acqua aromatizzata da bere nelle giornate di canicola (agitare molto bene per disperdere nell'acqua prima di servire)


 

 





sabato 2 luglio 2016

GELATO MANGO E COCCO BIMBY

Fare il gelato col Bimby è veramente semplice, occorre solo della frutta congelata a pezzi e poco altro.  La frutta matura che occorre "far andare" è perfetta.

Nel supermercato dove vado di solito, vicino alla bilancia mettono sovente in offerta frutta e verdure che deve essere usata in tempi brevi, e l'ultima volta ho trovato 3 manghi maturi per un prezzo veramente irrisorio, inutile dire che li ho presi.

Mi sono detta che avrei potuto usarli per farci una piccola marmellata oppure altro, e alla fine la mia scelta è stata : facciamoci del gelato, tanto in frigo ho anche del latte di cocco.


(mi sono ricordata all'ultimo di fare la foto, mio marito stava già mangiando)

Ingredienti:

3 manghi maturi
3 cucchiai di zucchero di cocco
1 pizzico di sale
1 pizzico di vaniglia
mezzo bicchiere circa di latte di cocco (sono andata a occhio)

Procedimento:

Sbucciare, pulire e tagliare i manghi a cubetti di circa 2 cm, e metterli a congelare in un sacchetto gelo o in un contenitore, senza pressarli troppo.

Mettere nel boccale lo zucchero il sale e la vaniglia e frullare per ridurli in polvere fine.

Estrare dal congelatore i manghi, dividerli grossolanamente con l'aiuto di un coltello, se fossero veramente molto duri, meglio lasciarli fuori frigo per una decina di minuti  prima di usarli. Se come ho fatto io sono stati messi a congelare per circa 5-6 ore, basta dividerli con un coltello e metterli direttamente nel boccale.
Azionare l'apparecchio a vel. 4-5 per alcuni secondi, spatolando dall'alto, aprire, controllare e dare una bella mescolata con la spatola, poi unire il latte di cocco e riattivare l'apparecchio per pochi secondi.  Il gelato è pronto per essere servito, oppure per essere porzionato negli appositi contenitori con lo stecco e rimessi in congelatore.

FACCIAMO I POP CORN?

In casa non seguiamo molto lo sport, ma almeno le partite dell'Italia, mio marito se può le segue, e visto che è goloso di Pop Corn, li preparo volentieri.
Lo so che i pop corn si trovano ovunque, ma sono fatti con Mais Ogm, e non sono certo un gran che.  Non parliamo poi di quelli pronti da scoppiare nel microonde, sicuramente il peggio che ci sia (per i grassi che vengono usati, per la qualità del mais e per il procedimento stesso)

Comunque domani gioca di nuovo l'Italia quindi rifarò i Pop Corn.  

Prepararli in casa è veramente molto semplice e si possono aromatizzare in mille modi. 

Cosa occorre:

Mais da pop corn di buona qualità, meglio se di varietà antiche oppure biologico, io ho preso gli ANGRI POP un tipo di mais antico i cui chicchi sono azzurri


Olio EVO o burro chiarificato bio per la padella
una padella larga, a fondo spesso con un coperchio bombato che chiuda bene
Sale e spezie a piacere

Procedimento:

Mettere la padella sul fuoco con un cucchiaio di olio o di burro chiarificato bio (a scelta ma incide sul sapore, io uso il burro)
Coprire quasi completamente il fondo della padella con uno strato di pop corn, non devono essere sovrapposti, coprire la padella e lasciar scaldare, agitando ogni tanto la padella, senza togliere il coperchio.
Scaldare a fuoco vivace, in poco tempo inizieranno a scoppiettare, continuare ad agitare la pentola fino a che lo scoppiettio non smetta, spegnere subito il fuoco e attendere un minuto prima di scoperchiare, potrebbero esserci ancora alcuni chicchi che scoppiano proprio nel momento in cui si apre il coperchio e si rischia di riempire la cucina.

Travasare i pop corn in una terrina capiente, e condire con il sale e le spezie prescelte

Ecco alcune idee:

sale + pepe/ pepe di seichuan/ pepe rosa/ o pepe lungo
sale + curry in polvere
sale + peperoncino
sale + noce moscata
sale + peperoncino + polvere di cipolla (poca) o polvere di aglio
sale + zenzero + polvere di aglio (poca)

Naturalmente a chi piaciono dolci è possibile usare zucchero o caramello o anche cioccolato fuso, ma non sono esattamente gusti che incontrano in casa nostra.
Nota: come si vede dalla foto gli Angry Pop non sono molto grandi e anche una volta scoppiati rimangono di dimensioni contenute, inoltre il loro colore è di un bianco candido leggermente azzurrato a differenza di quelli fatti con i semi gialli.  Il sapore è veramente buono

mercoledì 29 giugno 2016

POLPETTONE MEDITERRANEO SENZA GLUTINE



 Ho visto in rete un filmato che mi ha stuzzicato ma naturalmente c'erano ingredienti che non potevo o non volevo usare quindi su quella scia è nato il mio Polpettone Mediterraneo.

Ingredienti :

3 melanzane lunghe ma panciute
1 pomodoro cuore di bue medio (sono più asciutti)
1 cipolla tritata
500 gr. di carne tritata magra (io ho usato del manzo)
1 cucchiaino di sale grigio di Bretagna
1 cucchiaino di origano
120 gr. di farina di mandorle (serve per sostituire il pan grattato, in alternativa si può usare della farina di cocco sgrassata, ma ne basterà mezza dose, perchè la farina di cocco ha un potere assorbente maggiore)
1 uovo
Pepe o peperoncino se desiderato

Procedimento:

Togliere il picciolo alle melanzane e cuocerle a vapore intere (io ho usato il Bimby, 35 minuti temperatura varoma) ma una qualsiasi cottura a vapore andrà benissimo.
Una volta cotte (devono essere tenere ma non spappolate), lasciarle intiepidire per poterle maneggiare.
Con l’aiuto di un coltellino spellare le melanzane, creando delle bucce larghe 2 o 3 cm, lunghe quanto le melanzane e spesse meno di mezzo cm.

Con queste strisce, foderare uno stampo da plum cake precedentemente spennellato bene con olio. Lasciar sbordare le bucce di melanzana perché una volta riempito lo stampo andremo a ricoprire il tutto.

In una padella far rosolare la cipolla tritata, nel frattempo tagliare a dadini il pomodoro e quando le cipolle saranno dorate aggiungere i dadini di pomodoro e mescolare per qualche minuto.

In una terrina capiente versare la carne tritata, aggiungere la polpa delle melanzane tritata grossolanamente al coltello, l’uovo intero, le cipolle con il pomodoro, la farina di mandorle, il sale, l’origano e se lo usate una spolverata di pepe.  Mescolare bene il composto.


Con un cucchiaio versare il composto nello stampo premendo per compattare il più possibile. Una volta riempito lo stampo, ripiegare le bucce sul composto e compattare bene.  Probabilmente avrete un residuo di impasto, basterà ungere una piccola pirofila , riempirla con questo residuo e cuocerla assieme al polpettone.

Cuocere in forno a 180° per circa 30 minuti
Lasciar intiepidire leggermente e sformare su un vassoio. Tagliare a fette spesse e servire 

 Questa ricetta si presta ad essere usata nella FMD, F3 così come descritta, oppure sostituendo la farina di mandorle con pan grattato di segale, e eliminando l'olio (magari foderando lo stampo con carta da forno, è adatta alla F1