Post

Visualizzazione dei post da Giugno, 2010
Immagine
Traggo da Eco Blog

Nuove etichette europee: protesta solo Nutella FerreroIl parlamento Europeo ha votato per le nuove norme in merito alle etichette apposte sui prodotti alimentari. In pratica saranno date indicazioni nutrizionali e salutistiche che andranno a definire il profilo nutrizionale, il che permetterebbe al consumatore di scegliere i prodotti che lo aiutino a bilanciare e programmare la propria alimentazione. Più precisamente, con il nuovo regolamento, che dovrà però essere approvato anche dal Consiglio Ue, sull’etichetta apposta sulla faccia principale si dovranno leggere quanti grassi, grassi saturi, zuccheri, sale e calorie ci sono, con in più le linee guida sulle quantità giornaliere di prodotto indicate per 100 grammi o per 100 millilitri. Ma in Europa a protestare è per ora la sola Ferrero Nutella, che si è sentita chiamare direttamente in causa dopo che già Greenpeace l’aveva tirata in ballo a proposito dell’olio di palma. Il problema non sono tanto le eti…

Ho deciso di esercitare il mio diritto di scelta

Non se ne può proprio più, già da tempo ormai boicotto il telegiornale di Rai 1, che ci racconta solo più facezie e informazioni assolutamente parziali e di parte.

Ascolto Radio 2, praticamente da sempre durante la giornata e fatico a digerire i cambiamenti di palinsesto avvenuti negli ultimi tempi.
Ormai ero arrivata al punto di sentire i Conigli al mattino, (chissà per quanto ancora ce li manterranno) e poi cambiavo canale fino alle 11 per sentire gli amici di Grazie per Averci scelto. Poi, di nuovo salto, fino alle 18 per sentire Caterpillar.

Ormai le trasmissioni degne di essere ascoltate erano rimaste veramente pochissime, quelle poi che facevano cultura, sono state le prime ad essere eliminate.

Da oggi, e all'improvviso (anche se si sapeva che la trasmissione stava per finire e che non sarebbe tornata il prossimo autunno) hanno cancellato anche Grazie Per.

Quando è troppo è troppo.

Ho deciso di smettere di ascoltare Radio 2.

Ci sono moltissime altre radio validissime e sono sicu…

Ma queste bandiere sono blu o sono rosse?

Dal Ecoblog copio e incollo questa interessante informazione sulla qualità delle nostre spiagge, leggete, leggete, meno male che ogni tanto qualcuno ci dice come stanno veramente le cose!

Spiagge italiane: trionfano le bandiere rosseFino a qualche giorno fa i proclami: bandiera blu trionfa. I riconoscimenti riguardano le italiche località balneari che si contraddistinguono per mare pulito e spiagge confortevoli. Secondo la FEE, l’organismo che le accredita, per il 2010 sono 231 in 117 comuni. Ora, l’Europa fa sapere che invece in Italia trionfa bandiera rossa. Nel senso che ci sono ben 56 località balneari nazionali che secondo l’Agenzia Europea per l’Ambiente sono talmente inquinate da meritare appunto la bandiera rossa. Scrive Il respiro: 23, sono in Veneto, mentre la Liguria, che vanta il maggior numero di bandiere blu, deve fare i conti anche con 8 bandiere rosse. A seguire troviamo la Calabria (6), Campania (5), Marche (4), Sicilia (3, tutte molto vicine, in provincia…

Per chi ha i capelli lunghi

Immagine
Oggi a Torino è iniziata la Fiera Europea (durerà fino a domenica sera). La zona dei Giardini Reali è stata invasa da bancarelle provenienti da molti paesi europei e da stand con specialità alimentari italiane.

Naturalmente non potevamo esimerci dal andare a farci un giro, ne tanto meno, di fare acquisti.

Abbiamo preso d'assalto un banco di marmellate e specialità inglesi: chutney vary, curds ecc... si potevano assaggiare usando dei lunghi stecchi di legno, una vera delizia, abbiamo acquistato un sacco di cose: una ginger jam e un mango curd per le cose dolci, ma ci siamo scatenati con le cose salate, chutneys, pickles, cipolle caramellate speziate, c'era solo l'imbarazzo della scelta.

Abbiamo acquistato qua e la, varie specialità, da una bancarella di spezie provenzali ho preso una scorta di piment d'espelette, del pan massala (mi sembra che si chiami così, sono quei semini che si servono alla fine delle cene indiane), 3 tipi diversi di té, e una scorta di bastoncini di…

Un po' di ricettine

Immagine
Qualche giorno fa ho fatto una coppa di zuppa inglese, era parecchio che meditavo di prepararla e l'arrivo della fidanzata del pargolo per il fine settimana è stata proprio l'occasione giusta.

Gli ingredienti sono molto semplici (anche se non leggerissimi) e possono essere variati a piacere:

Alcune fette di colomba avanzata (ma vanno bene dei savoiardi o qualche avanzo di torta margherita.
Una confezione di mascarpone,
2 tuorli,
un bicchierino di marsala secco
150 gr. di zucchero
delle fragole mature
un liquore alla frutta (ho usato il mio liquore di ribes)poche fragoline di bosco (raccolte in giardino)
una manciata di pistacchi di Bronte

Ho usato una bella coppa larga che conterrà circa un litro e mezzo in volume.

Sul fondo ho messo uno strato di fette di colomba che ho bagnato con del liquore dolce, non troppo alcolico, mentre aspettavo che le fette si inzuppassero un pochino ho cominiciato a montare il mascarpone con lo zucchero e ho poi unito i tuorli uno ad uno e il bicchierino di …

Serve la vostra firma ragazzi!

La Commissione europea ha da poco autorizzato la coltivazione di un OGM in Europa, per la prima volta da 12 anni, privilegiando così i profitti della lobby biotech rispetto alle preoccupazioni dell'opinione pubblica. Secondo la maggioranza degli europei occorrono maggiori informazioni prima di cominciare a coltivare alimenti che possono minacciare la nostra salute e il nostro ambiente. Raccogliendo un milione di firme, i cittadini europei possono chiedere ufficialmente alla Commissione europea un futuro libero da OGM. Uniamo 1 milione di voci e chiediamo la messa al bando di alimenti OGM, fino a quando sarà effettuata un'adeguata ricerca. Firma la petizione!
Io ho già firmato, adesso tocca a VOI