lunedì 21 maggio 2007

Sciroppo di rose 2 il ritorno!

Oggi ho raccolto le rose profumate del mio giardino, non quelle bulgare, ma le altre dei vari colori,ci sono sia rose antiche e inglesi che quelle moderne, vegliando ad avere una maggioranza di rose rosa e rosse per garantire un bel colore, comunque l'importante è che siano profumate.






Poi come per la ricetta precedente ho fatto lo sciroppo di zucchero e ho messo le rose a macerare, ho però pensato di pesare gli ingredienti. Risultato 1 litro di acqua, 1 kg. di zucchero, il succo di un limone e 100 gr. di petali di rose già pulite (togliendo l'unghia, cioè la parte con la quale i petali si attaccano allo stelo)



Devo dire che è venuto uno sciroppo dal profumo veramente divino, e per il colore direi che siamo di nuovo su una bella sfumatura di rosa, quindi le rose bianche e gialle non l'hanno pregiudicato.


Essendo i petali delle rose da giardino più spessi di quelle bulgare, il lavoro di eliminazione dell'unghia è risultato molto più veloce, ma per la realizzazione della marmellata "di risulta" con i petali scolati dallo sciroppo, occorrerà procedere ad una cottura più prolungata e anche forse anche ad una frullatina. Domani mi occuperò di produrre questa marmellata, quindi appena fatta vi metto il post promesso con la ricetta esatta che userò.
(Le rose delle foto sono fotografate da mio marito nel nostro giardino, se guardate bene sulla prima in basso c'è anche l'ape!)

4 commenti:

paola ha detto...

Ma che bellissima rosa. Ti ho messo nei miei blog favoriti.
Stasera metto in linea la ricetta precedente dello sciroppo do rose.
Ciao

mickymath ha detto...

elles sont vraiment magnifiques!! biises micky

marinella ha detto...

Merci Michy, en effet mon mari fait de très belles photos, il vient de changer appareil et il est au septième ciel.

Dulcamara ha detto...

Forse ho già inserito questo commento allo sciroppo di rose #1. Ho trovato veramente interessante l'aggiunta di un paio di pere ai petali avanzati, che ho lasciato interi. Le pere ammorbidiscono e assorbono il colore dei petali, risultandone un bel colore rosso-rosa trasparente. Si aggiunge solo poco zucchero (i petali, personalmente, li ho strizzati mica poco, però non proprio al massimo). In questo modo hai sia il piacere dei petali che la morbidezza della marmellata.