mercoledì 23 dicembre 2015

HO FATTO IL PANDORO ED CI SONO RIUSCITA!

Ho usato una delle tante ricette per bimby che ho trovato in rete, mi scuso in anticipo se non cito il nome di chi l'ha scritta ma non me lo sono segnata. So che è un riadattamento della ricetta delle sorelle Simili per il Bimby e devo dire che malgrado i miei dubbi durante la lavorazione il risultato è stupefacente.
Prepararsi solo a tempi di lievitazione lunghi l'ho messo in cantiere ieri in mattinata e l'ho cotto questa mattina.

Ecco la ricetta che ho usato con le mie indicazioni tra parentesi:


Ingredienti:

Lievitino:
  • 15 g di lievito di birra fresco (ho usato 5 gr di secco)
  • 60 g di acqua
  • 50 g di farina manitoba (bio)
  • 1 cucchiaio di zucchero
  • 1 tuorlo d'uovo (16 gr)
1° impasto:
  • 200 g di farina manitoba (bio)
  • 3 g di lievito di birra fresco (1 gr. di lievito secco)
  • 25 g di zucchero
  • 30 g di burro, a temperatura ambiente
  • 2 cucchiai di acqua
  • 1 uovo intero (bio)
2° impasto:
  • 200 g di farina manitoba (bio)
  • 100 g di zucchero
  • 2 uova intere (bio)
  • 1 stecca di vaniglia, (1 cucchiaino di vaniglia naturale in polvere)
  • 1 cucchiaino di sale
  • inoltre:
  • 140 g di burro (bio) a temperatura ambiente per la sfogliatura
  • zucchero a velo per spolverare.
Procedimento:

Lievitino.
·         Inserire nel boccale l'acqua 60 gr, lo zucchero 1 cucchiaio e il lievito secco 5 gr: 30 sec 37° vel 3. aggiungere il tuorlo (16 gr) e la farina manitoba 50 gr: 1 minuto vel spiga. Viene piuttosto cremoso/liquido
·         Togliere dal boccale e far lievitare fino al raddoppio ( 1 ora circa). 

1° impasto:
·         sciogliere  1 g di lievito secco  nei 2 cucchiai di acqua, aggiungere al lievitino insieme alla farina manitoba 200 gr, lo zucchero 25 gr,  il burro 30 gr e  1 uovo intero : 3 minuti vel spiga.
·         Togliere dal boccale e lasciar lievitare fino al raddoppio. (13-30 – 15.00)

2° impasto
·         Alla pasta lievitata unire 2 uova, 100 gr di zucchero, i semini della vaniglia, 200 gr. di manitoba e 1 cucchiaino il sale: 2 minuti vel . spiga

Togliere l'impasto dal boccale, con l'aiuto di un po' di farina e metterlo in una ciotola unta di burro fino al raddoppio, coperto con pellicola (1 ora e mezza).
Passato questo tempo mettere la ciotola nel frigorifero per 40 minuti, io ho aspettato di più

Riprendere la pasta e stenderla col mattarello formando un quadrato, distribuire al centro il burro morbido a fiocchetti 140 gr., poi portare i 4 angoli verso il centro coprendo completamente il burro, sigillare bene in modo che il burro rimanga imprigionato.
Spianare in un rettangolo e piegare in 3 come per la pasta sfoglia, mettere a riposare in frigo per 20 minuti, ripetere questo passaggio 3 volte.
Dopo l'ultimo riposo formare una palla e disporla in uno stampo da pandoro (da 1 kg) ben unto di burro e lasciar lievitare finché la cupola non uscirà dal bordo dello stampo per me dalle ore 18.00 alle ore 8 del mattino successivo, e arrivava giusto giusto a filo dello stampo

Infornare in forno (statico) caldo a 170° sul piano basso, con una pentolina con acqua all'interno del forno per circa 35 - 40 minuti, controllare la cottura con uno spiedino, deve uscire asciutto.
Lasciar intiepidire un po' prima di sformare (lo stampo non deve più scottare). Far raffreddare completamente almeno un paio di ore prima di chiudere il pandoro in un sacchetto di plastica per mantenere la morbidezza.
Così si dovrebbe poter conservare per almeno un mese (ma non ho provato quindi prendete questa informazione col beneficio di inventario.

Idealmente prima di servire si dovrebbe tenere il Pandoro in caldo su un termosifone per far si che il burro racchiuso all'interno ritorni fragrante.  Al momento di servire, spolverare il pandoro con abbondante zucchero a velo. 






R



·        
·        
·          
 




Nessun commento: