martedì 4 settembre 2007

I libri delle vacanze

Contrariamente a coloro che hanno segnalato i libri che avrebbero letto durante le vacanze, io vi segnalo quelli nuovi che ho acquistato in ferie.

Naturalmente, essendo stata in Bretagna, sono in Francese, ma sono bellissimi (è chiaro che sono di parte).


Allora, il primo è quello di cucina di cui vi ho già parlato: Trop Mad, tutte ricette di NathalieBeauvais, chef appassionata che spiega molto bene le sue ricette, è soprannominata la fata del Morbihan e vi consiglio caldamente il suo ristorante "le jardin gourmand" a Lorient se passerete da quelle parti.



Poi, per rimanere in tema di cucina, ho acquistato questo libro che mi ha ispirato molto, 300 ricette di pane in MDP e 300 fotografie, devo dire che il fatto di aver le fotografie di ogni ricetta mi ha stimolato molto. Ho già provato un pane ai cereali misti, è venuto molto buono. Ci sono ricette salate e dolci e alla fine anche ricette di marmellate.





Nel mio giro alla Fnac ho trovato il tanto ambito libro di Clea sull'Agar Agar e adesso è nelle mie mani, ci sono delle ricette molto interessanti, e sopratutto insegna a destreggiarsi con i dosaggi di questa alga magica.





Ed ora "le plat de resistance", va bene mi sto montando la testa, ho preso il bellissimo libro del Dott. Jean Pierre Willhelm "les Huiles essentielles" una vera miniera di informazioni, bellissima anche la parte in cui racconta le origini degli oli essenziali risalendo agli Egizi e al loro modo di mummificare i corpi.



Per ultimo visto che l'argomento per me sarà sempre inesauribile, mi sono comprata uno dei libri di Neris Pourchon "huiles essentielles mode d'emploi" che da un sacco di ricette utili e pratiche. Nerys Purchon è di origine Indiana e vive in Australia da molti anni producendo personalmente i suoi oli essenziali.

13 commenti:

paola ha detto...

Ciao Marinella, un rapido salutino perche sono al lavoro
A presto
Paola

marinella ha detto...

Ciao Bella, grazie di essere passata.

Il tortellino ha detto...

Bellisssimi questi libri. E' grave se provo una sana invidia nei tuoi confronti dato che riesci a leggere così facilmente i libri in lingua??? Io ho studiato sia l'inglese che il francese ma mi annoia leggere in lingua. E' grave? Aspetto quindi le tue ricette prese da questi libri, pubblicate sul tuo blog! A presto.

Gata da plar ha detto...

Quanti bei libri... quello sull'agar agar poi... peccato che qui dove abito sia praticamente impossibile da trovare come ingrediente... quasi quasi mi trasferisco direttamente dove nasce quest'alga! :D
Non sono ancora riuscita a sperimentarla, anche se ho mangiato al Macrobiotico dei budini fatti con questo addensante e non mi sono dispiaciuti affatto... se non altro perchè ero certa che non c'era colla di pesce... che non ho ancora capito xkè la chiamano "di pesce" quando è fatta col maiale... blea.... :D
Un bacio!

terry ha detto...

Carissima!
ben tornata dalle ferie e...che begli acquisti che hai fatto!;-)))
Ti invidio molto quelli sugli oli essenziali!;-)))
Ce ne pure uno sul sito di aroma zone sugli oli in cucina che vorrei prendere!

mi ispira pure quella di clea, tra un pò ne esce un altro suo sulla quinoa, ingredienti che amo molto e magari darà delle idee più sfiziose su come usarlo!

E' sempre un piacere leggerti!

Un bacio

Terry

marinella ha detto...

Caro mio tortellino, in realtà non ho molto merito, ho avuto la fortuna di essere trapiantata da piccola in africa francofona, quindi il francese mi è cascato addosso, poi ho studiato l'inglese come lingua straniera senza sapere che a 17 anni sarei finita in USA per 3 anni. A quell'età le lingue entrano da sole, io sono stata in grado di seguire il liceo, senza perdere anni, in soli 3 mesi. risultato un diploma di High school americano e la terza elementare in italiano...

marinella ha detto...

Gata, l'agar agar lo trovo al bio mercato di Pinerolo, in scaglie, dovresti però trovarlo anche nei negozi di prodotti asiatici con il nome di Kanten. Io prossimamente vado a cercarlo li, dovrebbe costare meno.
La colla di pesce un tempo era fatta con le lische e la pelle del pesce, poi hanno trovato che era più facile farla con i resti di maiale, costa meno e probabilmente rende di più, ma non lo dicono in giro per non allarmare coloro che non consumano maiale!!! (mussulmani ed ebrei tra gli altri)

marinella ha detto...

Carissima Terry, spero che le tue ferie siano andate per il meglio, ti pensavo proprio ieri o ieri l'altro. In effetti i libri sugli oli sono bellissimi, e pieni di informazioni utilissime, anche a me ispira quello di aroma zone, ci penserò. Ho visto che sta uscendo il secondo libro di Clea, peccato che non c'era ancora quando ho preso il primo, mi piacerebbe sapere di più sulla quinoa, non sono molto brava nell'usarla, mi piace il gusto ma confesso che faccio abbastanza pasticci con i tempi di cottura, e alla fine tendo ad usarla come se facessi una polentina. Vorrei riuscire ad usarlo per fare delle polpettine vegetariane magari.
Baci e a presto spero

marinella ha detto...

Gata, mi sono ricordata che mia nonna (Rumena) a natale preparava la gelatina naturale con le orecchie e gli zampetti di maiale, e devo dire che aveva un gusto molto buono, infatti la gelatina mi piace molto anche adesso. Avevo anche imparato a farla, perchè il mio papà era goloso di zampetti in gelatina. Da quando è mancato anche lui, non l'ho mai più fatta.

terry ha detto...

Ariciao Marinella!;-)

Ferie tutto bene, volate via!!!

Con la quinoa ho sperimentato alcune ricettine che trovi su cooker! Tra cui dei burger....di pure ispirazione guardando la dispensa!
TI lascio i link delle ricettine speriemenatate da me così dai un'occhiata!
Per la cottura io metto circa il doppio, poco più di acqua rispetto al peso e lascio cuocere fino ad assorbimento dell'acqua!
l'ho usato pure per fare muffins!


http://www.cooker.net/doc/55C7EC0538328350C125730A0047D24C

http://www.cooker.net/doc/DE8B794304F6F998C1257347005D83EA

http://www.cooker.net/doc/55CEE6FB99C529F7C12572FF00410349

http://www.cooker.net/doc/12B693853C8138BEC12572EE00530D0E

http://www.cooker.net/doc/AA4BBCEF228D7C11C12572FE00425161

Questo è quello che ho sperimentato io!;-)

Ancora un abbraccio

Terry

marinella ha detto...

Grazie Terry, andro sicuramente a vedere, ma fra qualche giorno, in questo periodo non so dove sbattere la testa prima, dovrei studiare e inceve mi ritrovo a fare tutt'altro. Niente di grave solo una serie di imprevisti, ma ce la farò. baci.

Virginie Péan ha detto...

Bonjour Marinella,
Désolée de t'écrire en français, je ne parle pas du tout italien, mais arrive à te lire, en devinant (d'après le français, l'espagnol et le latin). Merci d'être passée sur mon blog. Sais-tu que tu es venue en vacances pas loin d'où j'habite ? J'aime aussi beaucoup le livre de Clea, tout comme son dernier "Quinoa". Par contre je ne connaissais pas les autres. A découvrir...
A bientôt !

marinella ha detto...

Merci Virginie, aucun problème pour le Français, si tu as des questions je peus traduire, donc ne te fais pas de soucis.
Je reviendrais sans doute dans ton coin, pour voir nos amis qui habitent la-bas. Je te conseille vivement le livre Trop Mad, très belles recettes préparées avec le coeur. A binetot.