venerdì 28 settembre 2007

Birmania


Oggi doveva essere la giornata in cui si sarebbe dovuto portare qualche cosa di rosso in omaggio alla crisi in Birmania.

Sono andata al supermercato, con una maglia rossa, ma con mio sommo dispiacere non ho praticamente visto nessuno che portasse un qualsiasi capo rosso.

Speravo che il fatto che anche il TG1 ne avesse parlato servisse a sensibilizzare le persone, non credo che mettere qualche cosa di rosso possa cambiare le cose, ma almeno indicherebbe che la pensiamo allo stesso modo.

Sono rimasta delusa.

3 commenti:

Scribacchini ha detto...

Nemmeno io, ieri, ero vestita di rosso: l'annuncio dell'iniziativa mi era, semplicemente, sfuggito. Probabilmente perso nel caos frenetico di ogni giorno. Ma oggi ho ripescato in fondo al cassetto l'unico capo rosso che possiedo (un vecchio maglione) e l'ho indossato.
E, naturalmente, abbiamo messo l'abito rosso anche al blog.
Chissà che serva a qualcosa. Lo spero.
Patt

marinella ha detto...

Tutto serve Patt, anche i pensieri ben diretti. Sentivo in radio che il rosso adrebbe portato ad oltranza nei prossimi giorni, temo sia difficile da realizzare ma nulla ci vieta di mettere un fiocchetto rosso o qualche altra cosa. Ho visto ballando con le stelle, e Fabio Canino portava un bellissimo jeko rosso sulla giacca.
Baci.

Gata da plar ha detto...

Temo dovrò cospargermi il capo di cenere... magari ancora con le braci belle rosso acceso così unisco due cose: la solidarietà con la Birmania e la mia testaccia "tra le nuvole"... non seguo praticamente mai i telegiornali perchè parlano solo di "....te" e quando invece c'è qualcosa che andrebbe la pena di seguire me la perdo... Non credo che questo mio chiedere "scusa" servirà a qualcosa ma proverò a porvi rimedio... arrivo tardi, lo so... Baci