lunedì 28 luglio 2008

I miei corsi - Aggiornamento

Ultimo fine settimana prima della sospensione estiva, ho fatto un corso su disbiosi e parassitosi intestinale.


Veramente interessante, forse un pochino veloce, abbiamo concentrato in un giorno e mezzo quello che sarebbe comodamente stato in almeno due giorni. Avremmo forse avuto un po' più tempo per le domande.


Comunque è stato illuminante.


Naturalmente il corso era imperniato sulla salute dell'intestino nel suo complesso, e su cosa deve e non deve contenere. Adesso ho capito quali sono i probiotici che devono tassativamente esserci (vedi bifidus tra gli altri, ma soprattutto quali bifidus esattamente (ci sono delle sigle che li contraddistinguono) e soprattutto ci ha chiarito meglio quello che sapevo già, cioè che i probiotici che dobbiamo avere nell'intestino devono essere specie specifici, cioè umani e non vaccini o comunque derivanti da altri animali, questa è una delle differenze più importanti, naturalmente devono essere vivi e per questo occorre rispettare la catena del freddo, ma soprattutto temono l'umidità, quindi occorre, una volta individuato i probiotici che ci occorrono, conservarli in frigorifero e all'asciutto. Devono essere preparati in modo da superare indenni la barriera gastrica per arrivare vivi nell'intestino in quantitativi sufficienti a fare il loro lavoro. Ci sono poi dei probiotici specifici che stanno nello stomaco e nel duodeno e che se questi mancano sono dolori.

Abbiamo parlato molto di probiotici, ma anche di parassitosi, cioè dei vermi. Infatti molti si ricorderanno che una volta i bambini avevano i vermi ogni 3 per 2, oggi si sente molto meno, ma non è perchè i bambini (e anche gli adulti) li prendono meno, ma è solo perchè i medici non sono più in grado di riconoscere i sintomi, inoltre nei rari casi in cui sospettano, fanno prima fare i test specifici, purtroppo è molto frequente che ci siano dei falsi negativi, e in questi casi non viene certo fatto il trattamento. Risultato a parte la tenia che sovente si manifesta fisicamente quindi la si vede, si continua a coltivare queste presenze negli intestini. Il fatto è che danno tutta una serie di sintomi collaterali, che possono arrivare fino a problemi di comportamento o addirittura in rari casi a crisi epilettiche (senza le tracce a livello del cervello) con il rischio di mettere i bambini sotto farmaci pesantissimi per un infestazione da vermi. Neanche gli adulti sono risparmiati, ma nei bambini è molto più frequente.

Abbiamo poi parlato di allattamento, del fatto che non esistono bambini allergici al latte materno, del fatto che prima almeno dei 2 anni i bambini non devono assolutamente essere messi in contatto con il latte vaccino, e che quando si è costretti per vari motivi ad utilizzare il latte umanizzato, occorre integrare con dei fermenti lattici specifici vivi il latte del pupo, esistono latti umanizzati che contengono i fermenti lattici, ma non sono vivi...

Tutto questo perchè l'80 % del nostro sistema immunitario è nell'intestino ed è proprio gestito da tutti questi probiotici e da altri vari batteri che devono essere in un giusto equilibrio all'interno di questo lungo tubo così importante.

Insomma ho registrato tutto, adesso devo sbobinare, risentire bene, prendere gli appunti correttamente e iniziare a mettere in pratica.


Un consiglio che mi viene in mente tra tanti, ricordate che se dovete fare una cura di antibiotici, dovete, sempre, tassativamente assumere dei fermenti lattici vivi, specie specifici, per un periodo sufficiente a ricolonizzare le zone interessate, non basta ne lo yogurt ne "l'entero....mina" che è solo acqua sporca.



Bene adesso vado a sbobinare quello che ho registrato, se mi verranno in mente altre cose le metterò. Il prossimo corso ai primi di settembre.

7 commenti:

Gatadaplar ha detto...

Cara MariBella, farò tesoro, come sempre dei tuo consigli...
Non sapevo che l'entero...mina :DDD fosse "acqua sporca"... perchè?
E poi mi sono sempre chiesta, da alcuni anni a questa parte, PERCHE' quando il medico prescrive antibiotici, non associa più i fermenti lattici, come facevano invece quando ero piccola...
Fortunatamente l'ultima volta che sia io che il Compare abbiamo avuto bisogno di antibiotici, è stato moooollllto tempo fa (4-5 anni fa?!) ma qui, le mie colleghe e figli, li prendono come caramelle... addirittura una si "autocura" a base di antibiotici... mah... mi fa spavento solo pensarci... pensa che una volta al Macrobiotico ci dissero che il corpo umano per smaltire un farmaco può impiegarci fino a 3 anni, per quelli "normali" altri invece restano in circolo 10 anni e più...
Aspetto nuove preziosissime informazioni...
Bacionissimi

Alex e Mari ha detto...

Questo è un argomento che seguo con molto interesse, visto che l'intestino da qualche tempo a questa parte è diventato il mio punto debole. Mannaggia.
Un abbraccio, alex

marinella ha detto...

Ciao cara, l'ho chiamata acqua sporca solo perchè non si può dire che sia acqua fresca visto che contiene dei fermenti, il problema è che non contiene quelli umani, e poi sono del tipo più inutile che si possa ingerire, inoltre non riescono a raggiungere vivi l'intestino, se poi consideri che patiscono l'umidità e sono venduti in fiale di liquido, che non sono conservati in frigo quindi non sopravvivono, probabilmente erano vivi al momento della produzione, ma non più al momento dell'uso.
Per quanto riguarda l'uso degli antibiotici, è imperativo usarli solo quando servono, vanno prescritti dal medico che è l'unica persona in grado di stabilire quali prendere e per quanto tempo. Sarebbe carino che si ricordassero di prescrivere anche i probiotici, ma visto che non sono mutuabili si dimenticano di farlo. Gli antibiotici combattono i batteri e vanno usati per tutto il tempo suggerito dal dottore, ridurre la durata del loro uso è dannoso e può creare resistenza a questo farmaco. L'abuso di antibiotici, oltre a facilitarne la resistenza, uccide la flora batterica intestinale, a volte in modo selettivo, permettendo a quella residua di avere il sopravvento, modificando gli equilibri, creando disbiosi, questa è l'inizio di tutta una serie di possibili problematiche, dalla cattiva digestione a problematiche molto più gravi.
Dimenticavo di dire che i fermenti lattici, che si trovano negli yogurt, sono fermenti specifici del latte vaccino e anche se non nuociono all'uomo, non riescono a colonizzare l'intestino umano quindi vanno reintegrati continuamente perchè facciano qualche cosa. Ciao a presto

marinella ha detto...

Alex, se hai voglia di una consulenza, mandami una mail, non ti prometto miracoli ma forse posso darti qualche suggerimento.
Naturalmente via mail perchè ogniuno è diverso e occorre fare delle domande personali. Ciao

Sardinianguy ha detto...

Le storielle dei fermenti lattici vivi contenuti negli yoguhrt che fanno bene all'intestino sono tutte grandi cazzate. I fermenti usati dalle aziende sono di diverso tipo per ogni prodotto, l'intestino ha bisogno di fermenti umani, e non di fermenti vaccini, come una mucca ha bisogno di fermenti vaccini e non umani. é logico ed innaturale usare prodotti animali per curare patologie umane per ovvi motivi. Non si possono prendere vari tipi di fermenti e mischiarli assieme, come avviene mangiando magari 2 o 3 tipi di prodotto diverso al giorno. Si crea solo confusione nell'intestino e una mole di movimento di batteri impressionante che lottano per ripristinare la flora originale invano, con ovvi problemi per il corpo.

silvia_fe ha detto...

scusate l'ignoranza, ma non ho capito però dove si trovino i probiotici umani.
Ho sempre usato quelli vaccini, e anche il kefir,e mi spiace scoprire ora che non andava bene, sigh, cosa prendere allora?

marinella ha detto...

Silvia, i probiotici umani sono specifici dell'uomo appunto, e in effetti sono similia quelli vaccini, ma la grossa differenza è che quelli vaccini entrano, quelli che sopravvivono agiscono, e poi escono, ma non colonizzano il nostro intestino perchè non sono adatti. Quelli umani invece si prendono in capsule,sono coltivati da ditte specializzate in questo, la maggioranza sono anaerobi, quindi vivono solo in determinate condizioni, e si devono introdurre con particolari criteri in modo da permettere al nostro intestino di colonizzarsi nuovamente. Comunque preparo un post più dettagliato per spiegare meglio alcune cose, poi se vorrai indicazioni ulteriori ci sentiamo via mail, non voglio fare pubblicità a marchi specifici anche se io ne uso di particolari. Ciao