domenica 19 luglio 2015

SHIRATAKI CON SALSA AL CURRY THAI

Adoro la cucina thailandese, credo che potrei sopravvirere a lungo solo mangiando in quel modo, per me la cucina Thai ha un effetto comfort food.

Mi sono ispirata largamente ad una ricetta di Pailin di Hot Thai Kitchen, una bravissima e giovane cuoca Thailandese, ma ho dovuto fare qualche piccola modifica per mancanza di qualche ingrediente, comunque vi metto la ricetta originale con le mie piccole variazioni.

Dose per 1 porzione

Ingredienti

1 confezione di Shirataki noodles
1 cucchiaio di pasta di curry  rosso (io ne ho usato mezzo)
1 cucchiaio di pasta di curry giallo (io ho usato quello verde e sempre mezzo cucchiaio)
250 ml di latte di cocco
80 ml di acqua o brodo di pollo
60 gr. di pesce bianco a piacere tagliato a dadini (va bene anche del filetto di merluzzo) (io non ne avevo e ho usato un avanzo di roast beaf)
1 piccolo pomodoro maturo tagliato a dadini
2 cucchiaini di salsa di pesce o nuok mam (volendo si puo' usare anche la colatura di alici, dipende da cosa avete in casa, io ho usato la salsa di pesce)
1 cucchiaino di zucchero (va bene anche dello xilitolo) 
2 o 3 foglie di kafir lime (si trovano fresche nei negozi etnici) in alternativa si potrebbero usare delle foglie di limone o come ho fatto io 5 o 6 gocce di olio essenziale di limone.

Come accompagnamento, un pugno di fagiolini lessati al dente, dei germogli di fagioli mugo, un paio di foglie di basilico, un uovo sodo e dei pickles a piacere (sono verdure in salamoia) e un pezzettino di peperono rosso tagliato a juliennes fini per decorare.
Questo è l'accompagnamento suggerito da Pailin, io ho usate del cetriolo fresco, sbucciato e tagliato a rondelle e l'uovo sodo.  La scelta del cetriolo non è stata fatta a caso, questa ricetta è parecchio piccante, anche dimezzando le dosi di pasta di curry, il cetriolo ha il potere di spegnere gli incendi, quindi va benissimo da sgranocchiare intervallato ai bocconi noodles.

Procedimento

Lavare bene gli shirataki e tenerli da parte
Mettere sul fuoco una pentola con acqua che servirà alla fine per sbollentare la pasta.
In un pentolino, versare 80 ml di latte di cocco, portare a bollore e scioglierci dentro le due paste di curry, far restringere mesclando continuamente per qualche minuto, deve addensare.
Aggiungere il resto del latte di cocco, l'acqua o il brodo, e il pomodoro a dadini e cuocere per una decina di minuti ca. o fino a che il pomodoro si disfi e la salsa si addensi.
A questo punto, unire il pesce a dadini (il pesce ha la caratteristica di addensare ulteriormente la preparazione) io non avendolo ho usato un avanzino di roast beef tagliato a dadini, quindi ho fatto sobbollire qualche minuto in piu' per addensare maggiormente.
Buttare gli shirataki nella pentola di acqua bollente per sbollentarli, scolarli e metterli in un piatto fondo.  Unire la salsa al curry calda, decorare a piacere come suggerito da Pailin, oppure come ho fatto io servire accompagnato dal cetriolo a fettine in una ciotola separata e dall'uovo sodo.

Vi metto la foto originale del piatto, visto che è un vero piacere per gli occhi (e non ho fatto in tempo a fotografare quella che ho fatto io) per quanto riguarda il sapore è veramente speciale e il cetriolo ci sta molto bene perchè la ricetta è piccantina.

Questa ricetta è perfetta per la FMD, F3, anche a pranzo visto che si usano gli shirataki, il latte di cocco è l'unico grasso sano quindi come dose va bene (io non ho usato quello in scatola, ma quello in tetrabrick) l'importante è che non sia troppo denso e che non contenga strani ingredienti.







Nessun commento: