lunedì 9 marzo 2009

Rivisitazione in chiave Sacher

Fine settimana di festeggiamenti per i compleanni mio e del pargolo.


Abbiamo pensato parecchio a quale torta fare, siamo poi arrivati alla conclusione che volevamo una Sacher rivista e corretta.


Per la ricetta di base ho usato questa di Cavoletto, raddoppiando le dosi perché eravamo in tanti e tutti golosi, è venuta fuori una torta di dimensioni notevoli 27/28 cm di diametro, abbastanza alta da poterla tagliare a metà e farcire


Ingredienti per la base:
10 uova
300 gr. di olio di semi
150 gr. di farina
80 di cacao
40 di farina di mandorle
1 bustina di lievito per dolci
1 pizzico di sale


Per la glassa
un pacchetto di panna da montare da 200 ml
300 gr. di cioccolato amaro
mandorle a lamelle


Per il ripieno
mezzo bicchiere di mandarinello di mia produzione
un grosso barattolo di gelatina di mandarino, home made



Separare i tuorli dagli albumi e metterli in 2 terrine diverse. Aggiungere ai tuorli lo zucchero e sbattere fino a far sbiancare, montare anche i bianchi d'uovo a neve soda.

Unire ai tuorli montati l'olio a filo sbattendo, poi aggiungere metà dei bianchi montati e sempre sbattendo aggiungere le farine e il lievito setacciati, un pizzicone di sale, aggiungere anche la farina di mandorle e finire con l'ultima parte di bianchi montati a neve. A questo punto ho anche messo un mezzo cucchiaino di vaniglia naturale in polvere.


Ho versato il tutto in una grossa tortiera da 28 cm, antiaderente, ma per sicurezza ho foderato la base con un cerchio di carta da forno, poi ho imburrato sia il fondo che i laterali abbondantemente e ho infarinato per benino eliminando l'eccesso.


Ho infornato per 45 minuti, controllando la situazione dopo la prima mezz'ora. Sfornato su una gratella sotto sopra in modo che il fondo diventi il sopra della torta e lasciato raffreddare bene.


Con un coltello a lama lunga ho tagliato in 2 la torta, poi ho bagnato entrambi le parti con il mandarinello allungato con altrettanta acqua, poi ho spalmato uno strato di gelatina di mandarino sulla base e rimontato la torta.


A questo punto ho preparato la grassa facendo bollire la panna alla quale ho aggiunto, a fuoco spente il cioccolato, mescolando man mano che fondeva.

Ho spalmato il cioccolato sulla torta e tutto intorno e l'ho trasferita sul piatto da portata.


Per la decorazione ho usato le lamelle di mandorla che ho infilato su tutto il perimetro e poi ho fatto dei fiorellini sparsi qua e la sulla superficie, sempre con le lamelle di mandorla.


Ecco il risultato, queste sono le foto che ho fatto io all'avanzo, appena l'architetto mi da quella che ha fatto lui vi metto anche quella della torta completa.


3 commenti:

Rossana ha detto...

Auguri allora Marinella!
Come state?

cielomiomarito ha detto...

Fantastica! ... Potrei vendermi la mamma per una fetta di Sacher... e tu l'hai spiegata così bene che mi toccherà provare :)
... E di' all'architetto di sbrigarsi con la foto, che sono curiosa da morire :)

marinella ha detto...

Grazie Rossana, è andato tutto bene, alla fine eravamo solo 11, 2 hanno dato forfait a causa della sinusite. Ma ci siamo divertiti.

Cielo mi raccomando taglia le dosi a metà, questa era veramente grossa come torta.