sabato 20 settembre 2008

Fine settimana in preda alle conserve



Ieri venerdì, ho fatto un bel giro al mercato più grosso di Torino, Porta Palazzo (dicono che sia anche il più grande d'Europa, mi chedo se lo è veramente); ormai ci si trova veramente di tutto e si riesce anche a spuntare dei prezzi interessanti su frutta e verdura.

Dovevo rifornirmi di ingredienti per preparare l'Antipasto Piemontese, di peperoncini tondi da farcire con acciuga e capperi, di verdurine varie per preparare il mio dado vegetale, e poi visto che ho in mente tutta una serie di salsine varie, ho preso olive verdi e nere snocciolate, capperi, pomodori secchi, aglio, prezzemolo, cipolle rosse e bianche insomma una spesa di tutto rispetto.


Già da ieri pomeriggio è iniziata l'operazione antipasto piemontese, l'Architetto si è dedicato al tagliare i cavolfiori a tocchetti grandi come una cipollina, poi a tagliato anche i peperoni gialli, mentre mia mamma si occupava dei fagiolini da pulire e ridurre a tocchetti. Io nel frattempo da perfetta strega giravo con il cucchiaione di legno dentro il paiolo, nel quale versavo le verdure ad intervalli regolari. Alla fine abbiamo prodotto un enorme pentolone di antipasto, che è stato invasato oggi e che prossimamente finirà col essere sterilizzato a dovere.


Ieri sera ho anche prodotto un grosso barattolo di bagnetto verde di cui l'architetto è particolarmente ghiotto, naturalmente quando lo ha assaggiato ha decretato che non c'era abbastanza aglio, sto seriamente pensando di preparargli una salsa all'aglio così almeno si potrà sfogare, ho visto in giro sulla rete alcune ricette e pensavo di tentare una mia versione mescolandone alcune per fare una salsa con aglio, olio, sale, e mandorle tritate, se poi viene buona vi aggiorno.


Oggi ho anche preparato il dado vegetale, e fra poco inizio a preparare i peperoncini che di nuovo il maritino si occupa di pulire da tutti semi e le pellicine interne. Poi vanno messi per almeno una notte a marinare nell'aceto di vino, poi si scolano su un canovaccio e a questo punto inizio l'operazione farcitura, con una tonnellata di acciughe e di capperi salati, il tutto praticamente in bagno di olio, per essere sicura che non rimangano bolle d'aria all'interno dei peperoncini, così si conservano meglio e non si rammolliscono troppo.


Ho dimenticato di dire che ho anche invasato l'ultimo round di marmellata di fichi al limone e che adesso devo solo più incollarci le etichette prima di riporre i barattoli in cima alla credenza, l'unico posto che ho trovato per stoccare le produzioni di quest'anno.

Immagini tratte dalla rete.

11 commenti:

dede ha detto...

a parte l'aglio, SLURP!

Caty ha detto...

siamo pronti per l'inverno dopo tutto questo lavoraccio , meno male che avevi dei validi aiutanti !un saluto e se non hai posto per la marmellata ..nella mia dispensa ne avanza un bel po'....

whitewillow ha detto...

Deve essere nell'aria questa voglia di marmellate e conserve: anch'io ho già preparato la marmellata ai frutti di bosco e quella di prugne e noci ( a breve sul mio blog).Nei prossimi giorni ho in programma il classico dado vegetale, un pesto al prezzemolo, crema di peperoncini e pesto ai semi di zucca...che dire Marinella? buonlavoro!!!!

graziella ha detto...

Che lavoretti certosini!!
Ma vuoi mettere la soddisfazione di aprire queste bontà in pieno inverno??

marinella ha detto...

Caty, gli aiutanti sono indispensabili, prossimamento pubblico le foto dell'aiutante principale, Sibelius, che ha deciso di supervisionare la pulitura del peperoncini.

Whitewillow, la tua crema di peperoncini mi incuriosisce molto, interessante anche il pesto ai semi di zucca mmmmmm!

E' vero Graziella, quando apri i barattoli è una vera soddisfazione.
Se poi hai ospiti che decantano le tue lodi poi, si fa la ruota come un pavone. Baci a tutte

Gatadaplar ha detto...

MariBella cara!!! Mi piace l'idea del dado vegetale casalingo... questa sera passo "dal verduraro" e ci provo!
Un bacione! =(^.^)=

campo di fragole ha detto...

Marinella questa salsa di mandorle ed aglio si utilizza qui in Spagna dove vivo io... in Catalogna e si chiama alli oli. In molte zone della Spagna l'alli oli e' una mayonese all'aglio ma qui spesso si utilizza solo pestando mandorle sale grosso aglio ed olio d'oliva. L'aggiungono anche sopra la paella e nei risotti....
Un abbraccio e buon lavoro con le conserve ;)
Daniela

valverde ha detto...

Gnam..slurp..credo proprio che volerei volentierissimo a casa tua ...attenta che non arrivi un drago con me a bordo !...se senti uno strano odore attorno alla tua dispensa..non è detto che sia la tua salsa all'aglio!!forse è l'alito di Amarantha con me sulla groppa!;)))
(condivido la passione per l'aglio!!!) ari gnam..baci valverde

Rossana ha detto...

Non sono mai andata al mercato di Porta Palazzo e ti invidio un po' per la vicinanza e la possibilità di andarci.

Avrai avuto un bel daffare in queste settimane, ma il risultato ti riempirà di orgoglio per quasi tutto l'anno. :)

Un abbraccio.

marinella ha detto...

Monia, dai provaci e poi mi dici come ti è venuto. Baci

Daniela, se mi dai le proporzioni della salsa ali oli te ne sarei grata. io in effetti conosco la versione con la maionese. baci

Val, guarda che nel mio giardino c'è anche la pista di atterraggio Draghi quindi vieni quando vuoi.

Rossana, sono ancora in pieno trip, e penso che durerà ancora parecchio, comunque sicuramente tutta la prossima settimana. baci

Susina strega del tè ha detto...

Domani, conserva!!!!
Buon inizio settimana!!!!
^_^