venerdì 29 agosto 2008

Il Frozen Margarita

Sono abbonata alla newsletter della sezione food del Los Angeles Times, e l'ultima newsletter mi ha ispirato questo post visto che adoro il cocktail Margarita. Se non fosse che l'alcol a digiuno mi fa starnutire moltissimo, quindi mi capita abbastanza di rado di indulgere in un bell'aperitivo.


Per fare un perfetto frozen margarita occorrono solo 2 cose, il senso delle proporzioni e un frullatore (del genere con il bicchierone).


1) Iniziare con l'alcol. La tequila è l'ingrediente principale, viene generalmente abbinata ad un liquore all'arancio sul genere del triple sec (che può essere sostituito con uno qualsiasi degli altri liquori all'arancio oppure da altro liquore a scelta, in funzione dell'aroma che desiderate dare alla bevanda) Serviranno almeno 60 ml di Tequila ai quali andranno aggiunti 30 ml del secondo liquore scelto (triple sec, grand marnier, curaçao blu ecc...)

Se decidete di eliminare il secondo liquore potete portare i 60 ml iniziali a 75.


2) Una volta stabiliti i liquori, si passa all'aromatizzazione. Si dovrebbe bilanciale la tequila con del succo di agrumi (il lime è la scelta tradizionale), ma va bene succo di limone, arancio, oppure ananas. Si adattano anche altri succhi di frutta acidi come il melograno o il cranberry. Nel caso decideste per un succo non acido, sarà opportuno aggiungere un cucchiaio di succo di limone (per esempio anguria e limone) per bilanciare gli aromi.

Qualsiasi sia la vostra scelta, considerate di usare da 120 ml a 240 ml di succo per porzione.


3) Adesso occorre un dolcificante. Si può usare dello sciroppo di zucchero (parti uguali di acqua e zucchero scaldato e poi raffreddato) oppure miele, sciroppo di agave o di acero, a voi la scelta. Per le dosi dipenderà dall'ingrediente, ma come regola generale occorre un cucchiaio di dolcificante per ogni 30 ml di liquore totale, quindi se si usano 60 ml di tequila e 30 ml di liquore, serviranno 3 cucchiaiate di dolcificante a scelta.


4) Passiamo alla parte fredda. Servirà più o meno ghiaccio in funzione di quanto denso vogliamo il prodotto finale. Ca cosa più semplice è quella di misurare tutti gli ingredienti, metterli nel frullatore, aggiungere il ghiaccio ed azionare l'apparecchio fino al risultato desiderato. Ma si può anche pensare di usare del succo di frutta surgelato al posto di tutto o parte di quello del punto 2, oppure potrete surgelare del succo di mela, dei frutti di bosco o delle palline di melone


5) Il sale esalta i sapore dolce e acido della maggior parte dei margarita, ma se trovate che ricoprire il bordo del bicchiere sia troppo, potete aggiungerne solo un pizzico alla bevanda. Per inumidire il bordo del bicchiere potete usare una fetta di limone o di arancio, poi si intinge il bordo del bicchiere in un piattino contenente del sale non troppo fine (sul genere dalla fleur de sel).


Ecco adesso che avete appreso le proporzioni potete lanciarvi nell'invenzione del vostro Frozen Margarita ideale e frullare frullare frullare.


Se però non osate ancora lanciarvi ecco qualche suggerimento:

Per 2 persone


Margarita al limone e frutti di bosco


Ingredienti:


Sale per i bicchieri

120 ml di tequila

60 ml di liquore all'arancio

il succo di 2 limoni

2,5 cucchiaiate di miele

mezza tazza di frutti di bosco freschi

2 tazze di cubetti di ghiaccio


Mettete tutti gli ingredienti nel frullatore e frullate fino ad eliminare i grumi.


Margarita al melone


120 ml di tequila

4 cucchiaiate di miele

il succo di 2 limes

2 tazze di melone tagliato a pezzetti

2 tazze di cubetti di ghiaccio


Mettete tutti gli ingredienti nel frullatore e frullate fino ad eliminare i grumi.


Allora vi sentite pronti per sperimentare?

Nessun commento: