mercoledì 12 luglio 2017

CRACKERS DI OKARA MANDORLE AL PESTO

Questo tipo di crackers si prepara quando si fa il latte di mandorle, o come si dice ora, Bevanda al gusto di mandorla.



Una volta fatto il latte di mandorle ricetta qui, con il quale ho preparato un fantastico cappuccino. 

Eh si! Il latte di mandorle fa la schiuma! E devo dire che il cappuccino viene veramente piacevole. Per farlo uso la beakfast station che ho ricevuto come regalo di Natale.
Naturalmente si può usare il tipo di caffè che si desidera: cicoria, caffè biologico, o caffè decaffeinato. Il gusto varierà un po’ in funzione del tipo di caffè usato, ma il cappuccino riesce benissimo.



Ma torniamo ai nostri crackers

Ingredienti per circa una cinquantina di crackers

Il residuo del latte di mandorle ottenuto con 200 gr di mandorle con la buccia
2 cucchiai di semi di lino ridotti in farina
2 cucchiai di lievito alimentare in fiocchi (facoltativo, serve per dare un aroma "formaggioso")
2 cucchiaini colmi di pesto di basilico preparato in precedenza ricetta qui
mezzo cucchiaino di sale marino integrale
1 uovo bio o di galline ruspanti

Procedimento:

Mettere l’okara in una terrina e separarlo il più possibile con una forchetta, aggiungere il sale e la farina di semi di lino macinata con un macina caffè o con un robot, mescolare per distribuirla in modo omogeneo. Unire con lo stesso procedimento, prima il lievito alimentare in fiocchi, poi il pesto che va distribuito a gocce nell’impasto per fare in modo che tutto il composto si aromatizzi. Per ultimo aggiungere l’uovo sbattuto e mescolarlo all’impasto. Dovremo ottenere un composto simile alla sabbia umida.



Coprire una teglia con carta forno o con un tappetino di silicone, versarci sopra l’impasto, e stenderlo in uno strato sottile di massimo 3 millimetri. Io uso un forno piccolo quindi ho fatto 2 teglie. Lisciare il composto il più possibile. Si può usare un secondo foglio di carta forno appoggiato sul composto per impedire che incolli al mattarello.
Segnare i crackers con un coltello arrotondato o con una rotella da pizza e infornare per circa 30 minuti, controllando la cottura, i crackers devono colorire leggermente ed essere ben secchi. Se non lo fossero, è possibile lasciarli intiepidire leggermente, in modo da poterli maneggiare, dividere e ripassare in forno girati dall’altro lato. A volte i crackers sui bordi si cuociono prima di quelli in centro.



Questi crackers si conservano per almeno 15 gg in un contenitore ben chiuso. Sono perfetti per accompagnare un guacamole per esempio

Nessun commento: