lunedì 11 aprile 2016

LATTE DI MANDORLA 2.0

Ormai il latte di frutta secca è un must in casa mia, anche perché sembra che io abbia dei problemi con il latte di riso.

Sto quindi cercando di standardizzare il procedimento e poterlo fare facilmente.



Ingredienti per circa 700 ml di latte

1 cup di mandorle (circa 150gr) io uso queste: Zig - Mandorle Perlate - 250 g
1/2 cucchiaino di sale grigio come questo: Sel De Guérande Grigio Sale Fino Biologico
1 litro di acqua a basso residuo fisso

Attrezzatura:

1 buon frullatore o il Bimby/Thermomix
1 colino grande a maglia fitta
1 bottiglia (meglio se a collo largo)

Procedimento:

Mettere le mandorle in ammollo in abbondante acqua per almeno 8 ore (o una notte)
Al mattino risciacquare molto bene

fino a che l’acqua rimanga pulita (serve a ridurre l’acido fitico)
Mettere le mandorle nel boccale del frullatore o nel Bimby,  iniziare a tritare, poi aggiungere ca. 600 ml di acqua e il sale. Frullare molto bene aumentando progressivamente la velocità,  in modo da disfare il più possibile le mandorle e omogeneizzare tutto.
Filtrare il latte con un colino a maglia fitta, aiutandosi con un cucchiaio per smuovere la polpa.
Rimettere la polpa nel boccale del frullatore aggiungere il resto dell’acqua e frullare nuovamente per almeno un paio di minuti.
Filtrare nuovamente pressando  col dorso del cucchiaio per recuperare il massimo del liquido.
Mettere la polpa residua da parte.
Il latte è già utilizzabile così com'è ma conterrà ancora una parte di residui di mandorla, se si desidera avere un latte con meno residui, filtrarlo una seconda volta  attraverso un telo da cucina ben pulito, strizzare bene, recuperare il residuo e aggiungerlo a quello precedente.
Si ottiene circa 700 ml di latte dal sapore delizioso, dalla consistenza molto simile a quello di mucca, utilizzabile sia per preparazioni dolci che salate e naturalmente perfetto da bere.
Si conserva in frigorifero per almeno 3 gg, mescolare prima di usare, perché tenderà comunque a depositare un po'. 



Il residuo lo useremo per preparare dei crackers molto piacevoli ma vi do appuntamento al prossimo post per questo.

2 commenti:

pina campisi ha detto...

Ciao, se posso suggerire come lo faccio io senza residui:lascio le mandorle in ammollo per 24 ore (senza buccia, cioè bianche) cambiando l'acqua diverse volte. Frullo con un normale frullatore per alcuni minuti. Filtro e non rimane nulla. I residui ci saranno ma sono impercettibili. Agito prima dell'uso... ottimo!

marinella ha detto...

Grazie Pina, in realtà anch'io a volte non filtro, in genere lo faccio per avere un latte più "fine" e poi devo dire che sfrutto anche il residuo quindi non si spreca niente, comunque viva il latte di mandorla, una vera goduria.