mercoledì 23 gennaio 2013

Autoclave

Eccomi con gli ultimi aggiornamenti, non ho ancora avuto tempo di preparare conserve, la stagione non è proprio di quelle più adatte.

Vi avevo promesso il link al sito dell'importatore francese quindi eccolo:


Ci sono 2 formati di autoclave, uno più piccolo e uno più capiente, in funzione delle esigenze

Vi metto una traduzione delle istuzioni rapide di utilizzo che si trovano sul sito.

Guida di utilizzo dell'autoclave Presto

Pour bien comprendre, vous retrouverez la terminologie des pièces de l'autoclave --> ici <-- span="">

Prima di iniziare:
Prima di tutto occorre verificare bene la vostra autoclave, in particolare che la guarnizione di gomma del coperchio e del gancio di bloccaggio siano in perfette condizioni. Quindi verificate che la valvola di evaquazione e il tappo di messa in pressione non siano ostruiti


Per iniziare:
Dopo aver accuratamente lavato e montato la pentola, mettere 3 litri di acqua e 2 cucchiai di aceto bianco sul fondo dell'autoclave, dopo averci posato sul fondo la base rotonda metallica. Potete quindi iniziare a riscaldare.

Consiglio cominciate col mettere la pentola sul fuoco più grand del fostro fornello.



Poi iniziate a posare i barattoli sul fondo dell'autoclave.
Consiglio : verificate che i vostri barattoli siano in perfetto stato, senza sbeccature ecc... Bloccate i barattoli con un asciugapiatti per evitare che sbattano gli uni contro gli altri .





Chiudete il coperchio senza mettere il regolatore di pression (il tappone nero) e attendete che inizi l'ebollizione, lasciate che la pressione esca dalla valvola per circa 10 minuti, una volta che il getto sarà regolare si può posizionare il regolatore di pressione.

Lasciare salire la pressione fino al valore desiderato, la lettura si fa sul manometro e è in libre, (come si può vedere nella foto ls pressione è di 11 libre)
Una volta ottenuta la pressione desiderata si può abassare la fiamma oppure spostare la pentola su un fuoco più piccolo, mantenerdo però la pressione raggiunta, per tutto il tempo necessario

La prima volta è un po' più complicato ma si impara rapidamente.


Une volta che la pression diventa stabile, inizia il tempo di sterilizzazione.

Ecco, questa è la traduzione sommaria delle indicazioni scritte nel sito, che ha già avuto modo di usare una pentola a pressione francese, le SEB per esempio, capirà più facilmente, le nostre pentole a pressione non hanno il regolatore di pressione  fatto in questo modo (il tappone nero).  In pratica una volta che la pentola entra in pressione, il vapore esce dall'apposita valvola (quella specie di comignolo) quando si posiziona il tappone sul comignolo la pressione aumenta, sul manometro si vedono i valori e dalla pentola esce un altro tubetto metallico che dimostra che la pentola è in pressione.
Fintanto che la pentola è in pressione il tubetto rimane fuori. Quando si spegne la fiamma non si deve tentare di aprire prima che il tubetto non sia rientrato completamente nella pentola e che sul manometro i valori siano azzerati.  Non si deve neanche raffreddare la pentola mettendola sotto l'acqua.

Sto leggendo le istruzioni in inglese e man mano che troverò delle cose importanti magari le posterò, comunque fatemi sapere se queste informazioni vi interessano.

12 commenti:

Stefano ha detto...

Ciiao marinellla
Oggi m è arrivata la pentola
Potresti fare un videomontaggio ?
Ti sarei molto grato

Stefano ha detto...

Ciiao marinellla
Oggi m è arrivata la pentola
Potresti fare un videomontaggio ?
Ti sarei molto grato

Stefano ha detto...

Ciiao marinellla
Oggi m è arrivata la pentola
Potresti fare un videomontaggio ?
Ti sarei molto grato

marinella ha detto...

Ciao Stefano, un video montaggio? scusa ma in questi giorni non ci riesco, però scaricati le istruzioni dal sito, sono in francese, ma abbastanza comprensibili e danno tutte le istruzioni per il montaggio, io appena riesco metto qualche ulteriore indicazione ma dovrai attendere qualche giorno ho un lavoro che devo finire assolutamente per fine settimana.
Mi raccomando lava tutto in acqua e sapone e non montare niente senza leggere le istruzioni, non bagnare assolutamente il manometro

Daniele Cocchi ha detto...

Ciao Marinella, volevo sapere se l'autoclave è certificato CE. Ovvero se dopo il trattamento di sterilizzazione con questo autoclave è possibile vendere al pubblico le conserve. Grazie

marinella ha detto...

Ciao Daniela, mi hai fatto una domanda alla quale non di rispondere si solo che si tratta di un prodotto americano venduto per uso familiare, ho però visto sul sito che ci sono modelli ancora più grandi del mio (e più costosi) che potrebbero essere usati a tale scopo. Devi rivolgerti al fornitore per capirlo, anche perché con le leggi in vigore in Italia occorre informarsi bene. Queste pentole se usate bene garantiscono la prevenzione da botulino ma non essendo automatiche mi chiedo se da noi sia sufficiente. Mi dispiace ma non ti posso aiutare per il tuo problema, se riesci a capirlo però mi farebbe piacere avere la risposta. Ciao a presto

Daniele Cocchi ha detto...

E' una questione di norme HCCP, se vengono rispettate le norme di sicurezza nel processo di sterilizzazione dovrebbe andare bene. Quanti gradi raggiunge l'autoclave? non c'è modo di verificare la temperatura al cuore del prodotto?

marinella ha detto...

Daniela, la pentola ha un manometro e supera i 140 gradi che è la temperatura utile , e che deve essere mantenuta per un tempo variabile in funzione del cibo sterilizzato. Essendo una pentola a pressione non è possibile misurare la temperatura al cuore del cibo, perché deve rimanere chiusa fino a raffreddamento . Quello che mi chiedo è come potresti dimostrare che ha mantenuto il tempo di sterilizzazione visto che varia da cibo a cibo. Non conosco le leggi in materia ma visto come sono quelle dei cosmetici naturali non deve essere semplice.

Daniele Cocchi ha detto...

da quello che ho capito attraverso l'asl, bisogna tenere un manuale HCCP in cui si tengono le cotture fatte in minuti e temperature registrate.successivamente occorre verificare il grado di sterilizzazione con un'analisi biochimica. (200 euro a prodotto)
Daniele comunque :)

marinella ha detto...

Grazie Daniele per questo chiarimento che i incuriosiva, mi pareva che ci sarebbe stata di mezzo un'analisi , visti i costi dovrai valutare se il gioco ne vale la candela. Auguri

Francesca dal Chianti ha detto...

Ciao Marinella e ciao Daniele, ora è passato un pò di tempo, ma avete per caso saputo se questo tipo di autoclavi sono ben accettate dalla asl? Anche io devo fare una produzione e vendita al pubblico di confetture e sott'olii e avevo pensato vedendo il blog di Marinella di acquistare l'autoclave da voi consigliata, magari quella più grande...

marinella ha detto...

Ciao Francesca, personalmente non ho nessuna idea al riguardo, penso che occorra rivolgersi all'Asl per quello, l'autoclave funziona, ma anche per le dimensioni tutto dipende da quanto materiale dovrai sterilizzare ogni volta e comunque se come dice Daniele devi poi far fare le analisi dovrai anche tracciare ogni singola partita segnando sui barattoli le singole partite per avere una tracciabilita', e presumo che una volta avuto l'ok poi rischi solo dei controlli a campione, ma sicuramente dovrai avere un registro con tutti i tempi di sterilizzazione segnati e dovrai attenerti a quelli. io la uso solo per consumi famigliari quindi non conosco le regole.