sabato 24 settembre 2016

PEPERONCINI FARCITI SOTTOLIO

Adoriamo i peperoncini farciti, ma in casa nostra amiamo soprattutto quelli con acciughe e capperi, naturalmente ben ripieni.

Io non li cuocio, li faccio a crudo, è facile e richiede solo un po’ di tempo per la marinatura.



Ingredienti: (le quantità varieranno in funzione di quanti peperoncini farcirete)

Peperoncini tondi, sodi e ben maturi (io ne ho fatti circa mezzo kg)
acciughe in filetti sottolio (almeno un paio di filetti per peperoncino, quindi abbondanti)
Aceto bianco q.b. ma almeno 1 litro
sale grosso integrale (1 cucchiaio per litro di aceto ca.)
capperi dissalati o sottaceto a piacere
Olio EVO q.b.

Procedimento:

Infilare dei guanti di lattice e pulire bene i peperoncini, tagliare la sommità con un coltellino affilato, poi con l’aiuto di un cucchiaino dal bordo sottile, togliere tutti i semini da dentro ed eliminare tutti i filamenti bianchi, se si desiderano peperoncini poco piccanti, oppure lasciarne alcuni a piacere, questo regolerà un po’ il piccante.

Mettere i peperoncini in una terrina e coprirli di aceto bianco e sale, facendo attenzione che siano tutti ben immersi e senza bolle d’aria all’interno. Coprire il contenitore e aspettare 24 ore.

Mettere su un piano di lavoro un paio di strati di asciuga piatti (meglio usare cotone e non carta da cucina) posarci sopra i peperoncini scolati con la parte convessa verso l’alto, coprire il tutto con un altro canovaccio e lasciare scolare per almeno una notte, ma anche 24 ore.

Prepararsi a farcire: dissalare in acqua i capperi (almeno un paio per peperoncino) passarli velocemente nell’aceto che abbiamo usato per i peperoncini, scolarli e metterli da parte
Sgocciolare i filetti dall’olio di conserva e metterli in un piatto

Montaggio, prendere un paio di capperi, avvolgerli con uno o 2 filetti di acciuga (dipende dal diametro dei peperoncini) cercando di riempirli abbastanza, servire peperoncini semi vuoti è tristissimo, quindi meglio abbondare con i capperi per non dover usare troppe acciughe.

Posare i peperoncini su un piatto man mano che si riempiono, fino ad esaurimento.

Mettere un po' d'olio Evo in una coppetta

Posare i peperoncini nei barattoli uno ad uno passandoli prima dalla coppetta per fargli in un bagno d’olio EVO, questo serve per evitare che rimangano bolle d’aria dentro. 
Posizionare i peperoncini nei barattoli ruotandoli man mano, in genere uno va sul fondo e gli altri si mettono intorno rivolti verso il vetro. Riempire i barattoli premendoli bene, in modo da ridurre il più possibile gli spazi. Coprire il tutto di Olio EVO, i peperoncini devono rimanere ben sommersi. Aspettare a chiudere i barattoli per un paio di ore, controllando, prima di chiudere, che il livello dell’olio non sia sceso, nel qual caso integrare olio e chiudere i barattoli.

Si conservano benissimo per almeno 8 mesi un anno, man mano che il tempo passa tenderanno ad ammorbidirsi, ma il fatto di usare peperoncini crudi serve proprio per evitare che questo avvenga troppo velocemente.
Una volta consumati i peperoncini l’olio di conserva si può usare per cucinare,  niente va sprecato, non usate quindi olio di semi o di bassa qualità perché rovinerete solo il vostro lavoro.
L’aceto della macerazione, si può riutilizzare, quindi conservatelo per la prossima preparazione, ho fatto la bomba calabra 2.0, ricetta a venire molto presto.




Nessun commento: