CONDIMENTO CREMOSO IN STILE TAILANDESE

Questa è una ricetta simpatica, adatta a condire insalata verde o di cavoli verza, o anche verdure cotte, con un che di stuzzicante e di esotico al punto giusto.  Per una nota di croccantezza è possibile aggiungere, una volta condita la verdura, qualche seme di girasole intero.

Ricetta Paleo, adatta anche alla FMD - F3 o F4.

Ingredienti:

1/4 di cup di crema di semi di girasole* (o mandorle o anacardi o tahina, se non si è reattivi)
1 cucchiaio di aceto di mele bio non filtrato ne pastorizzato
2 cucchiai di olio EVO
2 cucchiai di succo di limone bio (non succo da bottiglietta)
1 cucchiaio di tamari (salsa di soia fermentata bio senza glutine)
3 cucchiaini di xilitolo di betulla, o di stevia cristallizzata (o a piacere)
1 spicchio di aglio tritato
1 pezzo di zenzero fresco grande come una noce, sbucciato
1/2 cucchiaino di sale
1/4 di cucchiaino di peperoncino in polvere o in fiocchi
1/4 di cup di acqua (o piu' in funzione della fluidità desiderata)

Procedimento:

Mettere tutti gli ingredienti in un frullatore potente e frullare molto bene fino ad ottenere una crema fluida e legata (io uso il magic bullet), gli ingredienti devono essere ben disfatti.  Assaggiare, correggere eventualmente di sale o di xilitolo a piacere. Si conserva in frigorifero fino a 3 gg in un barattolo ben chiuso, mescolare eventualmente prima dell'uso.

* in genere la crema di semi di girasole, è piu' facile da digerire e meno reattiva di altre creme di frutta secca, quindi potrebbe essere una buona scelta se avete dei problemi con questo tipo di creme e burri.

La crema di semi di girasole o di altra frutta secca è facilmente preparabile in casa con un buon frullatore robusto, in grado di lavorare per tempi lunghi.  Infatti occorre macinarli a secco, continuando ad abbassare la polpa che si deposita sui lati del frullatore, fino a che i semi inizino a diventare una massa cremosa, in funzione del tipo e della qualità dei semi usati, non dovrebbe essere necessario aggiungere nessun tipo di olio, perche' i semi dopo un certo tempo di frullatura iniziano a buttare fuori l'olio che contengono e diventano sempre piu' una pasta fluida.  All'occorrenza si puo' aiutarsi con un paio di cucchiaini di olio leggero, come quello di vinacciolo, o di girasole spremuto a freddo, per arrivare prima al risultato desiderato, ma occorre usarne poco proprio perche' man mano che si frulla, il prodotto diventa sempre piu' fluido, e potrebbe diventare eccessivamente fluido se si eccede con l'olio aggiunto.




Commenti

Post popolari in questo blog

Orchidee Phalenopsis, consigli di coltivazione

Liquore ai fiori di Acacia (o Robinia)

SPEZZATINO DI MANZO CON VERDURE MISTE IN INSTANT POT