martedì 22 febbraio 2011

Dissenterie stagionali

In questo periodo, ci sono in giro parecchie persone che devono ricorrere al medico o alla farmacia per problemi di influenza intestinale.
Sono problematiche stagionali, ma quando prendono l'intestino, ci si ritrova a correre al bagno disperatamente e a cercare di trovare delle soluzioni.

Quando si presentano questi problemi, solitamente il farmacista finisce col suggerirci di prendere dei prodotti in pastiglie che servono a bloccare le scariche. Naturalmente, quasi sempre si incorre poi nel problema opposto, prima si correva continuamente, dopo non si va più per giorni.

Non vi racconto certo niente di nuovo.

Esiste in natura una pianta che invece, lavora in modo molto efficace per questi tipi di problematiche, andando a disinfettare l'intestino e a bloccare progressivamente le scariche senza avere poi nell'effetto rimbalzo.

La pianta in questione è il mirtillo.
Solitamente il mirtillo è noto per la sua azione sui vasi sanguigni e sulla visione grazie all'alto contenuto in antiossidanti; ma è meno conosciuto per la sua azione sulla mucosa intestinale. L'alto contentuto di tannini lo rende un prodotto ideale per aiutare a combattere le scariche dissenteriche.

Inoltre è di facilissimo utilizzo e di gusto molto gradevole.
Come rimedio d'urgenza, basta andare in un erboristeria ben fornita e acquistare 50 gr. di bacche di mirtillo seccate.
Si fa poi un infuso con un litro di acqua e 25 gr. di bacche, e si beve questo infuso per tutta la giornata.
Il giorno dopo si ripete l'operazione.
Fatto, il problema si risolve in un paio di gg.

Naturalmente se dopo 2 gg il problema persiste o intervengono altre problematiche è imperativo rivoltersi al proprio medico curante.

Nella stragrande maggioranza dei casi non ci sarà bisogno di altri interventi. E si può tranquillamente evitare di prendere le famigerate pastiglie di Im***m.
Dopo un fenomeno di dissenteria che dura per qualche gg. è comunque sempre preferibile assumere dei probiotici al fine di ripopolare la flora batterica intestinale.

10 commenti:

Luca and Sabrina ha detto...

Molto interessante, questo non lo sapevamo, pensavamo che il limone potesse essere un ottimo rimedio, in quanto regolatore, ma abbiamo già annotato!
Baciotti
Sabrina&Luca

marinella ha detto...

Sabri, il limone non va bene per queste cose, il fatto che sia considerato astringente non è sufficiente, calcola che in confronto all'acidità dello stomaco, il limone è basico. Quando ci sono forme dissenteriche si usa riso bollito, meglio se si beve l'acqua ricca dell'amido, carote, banane, the nero, e decotti di mirtillo, tutte cose che contengono sostanze astringenti e che come vedi non sono acide. Non l'ho scritto, ma si può usare anche un buon, e sottolineo buon, macerato glicerico di mirtillo, io uso una marca specifica che so come è fatta. Baciotti

DOLCI ACQUE DI TERRE BIANCHE ha detto...

questo rimedio non lo conoscevo
fortunatamente quando mi è venuta l'influenza non ho avuto di questi problemi
ma è utile esserne a conoscenza
baci katya

CioccoMamma ha detto...

preso appunti... non si sa mai, noi però siamo alle prese con raffreddori e mal di gola... ufff

Anonimo ha detto...

Marinella, grazie delle dritte, sto combattendo questo maledetto virus da ormai tre settimane. Appena cambio dieta, ritornano le nausee e i dolori...
Puoi consigliarmi una buona marca di macerato glicerico di mirtillo, che si possa trovare in erboristeria o farmacia?
Grazie mille,
Elisa

marinella ha detto...

Ciao Elisa, lo faccio volentieri, ma meglio se per email, non amo citare prodotti direttamente sul mio sito, non lo trovo etico. la mia mail la trovi in alto a destra sulla pagina principale. Scrivimi che ne parliamo un momento.

Costantino ha detto...

Un post molto interessante,utilissimo,
scritto con intelligenza e cognizione di causa.
E,non guasta che il mirtillo sia bello da vedere e buono da mangiare.
Grazie!

Feddy ha detto...

C'è una sorpresa per te sul mio blog ;)

Sally Ganci ha detto...

Molto interessante Marinella! Noi andiamo ogni anno a raccogliere i mirtilli qui nell'Appennino Reggiano per fare il mirtillino, ma questa volta vedrò di farne anche un uso diverso, naturalmente sperando che non serva! :-)

marinella ha detto...

Sally, che bello il mirtillino mi mancava, mi piacerebbe avere la ricetta. Ciao, grazie di essere passata da queste parti.