lunedì 3 novembre 2008

La Torta Paesana Brianzola

Questo fine settimana, abbiamo avuto la visita della "donzelletta" (la fidanzata del pargolo) che essendo Brianzola, ci viene a trovare solo ogni tanto e si ferma un paio di giorni.
Io non sono stata di grande compagnia visto il virus che mi ha colpito, ma in fondo è soprattuto venuta per il Pargolo e lui stava bene.
Ci ha gentilmente omaggiato della sua versione della Torta Paesana Brianzola.
Si tratta, secondo le mie ricerche di una torta di origine povera e contadina, fatta soprattuto di avanzi di pane secco ammollato nel latte, con aggiunta di vari ingredienti dettati molto dalla disponibilità del momento e dalla fantasia della cuoca.
Sembra che anche se naturalmente si può fare tutto l'anno, sia diventata nel corso degli anni una tradizione specifica di questa stagione.
Malgrado questa mia premessa, si tratta di una torta veramente saporita e molto gradevole, il pargolo e l'architetto che hanno veramente apprezzato, hanno quindi suggerito di metterla sul blog. Abbiamo dunque chiesto la ricetta alla Donzelletta che prontamente questa mattina me l'ha inviata via mail.
Non posso mettervi la foto perché l'ultima fettina è stata spolverata questa mattina presto, ma posso dirvi ha l'aspetto di un castagnaccio un pochino più spesso e sicuramente molto più morbido.
Ecco quindi la ricetta scritta di suo pugno:
"la sera precedente metto a mollo in un litro e mezzo di latte due panini secchi spezzettati, 250 g di Amaretti di S**nno, 250 g di savoiardi, 1 pan d'anice (in alternativa, si possono mettere 2/3 fette di panettone o biscotti secchi, tipo Oro Sa**wa). Il giorno successivo rimescolo il tutto fino a quando non diventa una poltiglia, si aggiunge un uovo, 4 cucchiai di zucchero, una bustina di zucchero vanigliato, 100 g di burro fuso, una buccia di limone a pezzetti o una fialetta aromatica al limone. A parte faccio ammorbidire nell'acqua bollita 200 g di uvetta sultanina e poi la aggiungo all'impasto. Ci metto anche del cedro candito a pezzetti. Faccio sciogliere in un pentolino con un cucchiaio di acqua 150/200 g di cioccolato fondente, e li aggiungo all'impasto.A piacere, si può arricchire il tutto con due o tre cucchiai di Amaretto di S**nno (o liquore simile). Per ultimo, amalgamo bene aggiungendo una confezione di cacao amaro. Verso nella tortiera e orno la superficie con dei pinoli. Tempo di cottura: 1 ora e mezza con forno ventilato, 2 ore con forno a gas o elettrico. Temperatura: 180°. Voilà."
Aggiungerei una piccola precisazione: sia l'uvetta che il cedro si amalgamano molto e danno umidità al dolce, senza essere evidenti come in un panettone per intenderci, quindi anche coloro che non li gradiscono non dovrebbero avere problemi.
Una vera delizia, da provare sicuramente!

10 commenti:

antonietta ha detto...

ciao, che bella ricettina.Scritta come fà la mia mamma che fà tutto a occhio e c'azzecca sempre

manu e silvia ha detto...

bè dalgli ingredienti sembra decisamente molto buona questa torta!!
un bacio

Caty ha detto...

questo dolce me ne ricorda uno delle mie parti ma devo cercare la ricetta; comunque penso che nella versione della donzella sia molto buona!!

marinella ha detto...

Confermo Ragazzi, la torta è molto buona anche se a base di ingredienti semplici, ma è la prova che le ricette contadine funzionavano!

Anonimo ha detto...

Esiste una ricetta uguale nel Monferrato e si fa in questo periodo in quanto prevede le nocciole e qualcuno ci mette pure una mela. Una volta si metteva a cuocere nel forno della stufa per un tempo imprecisato e usciva buonissima e finalmente non troppo umidiccia. Nella versione piemontese si utilizza il cacao in polvere. ciao Marisa

Deborah - GialloZafferano - ha detto...

Ciao,
Sono Deborah di GialloZafferano e ti contatto per proporti di partecipare al nostro secondo concorso culinario “Sapore di Sfida – Dolce Natale”.
Dopo il successo ottenuto dal nostro primo concorso “Sapore di Sfida – inventa la tua insalata di pasta”a cui avete partecipato in 80, noi di GialloZafferano abbiamo pensato di riproporvi una nuova sfida tutta Natalizia.
Se sei creativo, ti piace cucinare e vuoi metterti alla prova sfidando altri Blogger e Forumisti del nostro sito, questo dolcissimo concorso fa al caso tuo!
Di cosa si tratta? Semplice!
Rivisita o riscopri la ricetta di un dolce Natalizio o inventane una tutta tua personalizzandola secondo i tuoi gusti e la tua fantasia e prova a lasciare a bocca aperta la nostra giuria Vip.
In palio per i primi tre classificati c’è un meraviglioso premio e la possibilità di vedere la propria ricetta pubblicata da Sonia sul sito GialloZafferano.it .
Sei tentato? Partecipare alla competizione è semplicissimo, tutto quello che devi fare è:
1. rimandarci il modulo che trovi in allegato a questa mail, compilato in tutti i suoi campi all’indirizzo deborah.nania@giallozafferano.it entro e non oltre la mezzanotte di Venerdì 14 Novembre
2. registrarti sul Forum di GialloZafferano che trovi a questo indirizzo http://www.giallozafferano.it/forums/ (se sei già iscritto salta questo passaggio)
Bene! Ora sei iscritto alla gara… non ti resta altro da fare che postare la tua ricetta! Ecco come:
1. Posta la tua ricetta nell’apposita sezione creata per il concorso, entro e non oltre la mezzanotte di Venerdì 28 Novembre, scrivendo la ricetta completa di ingredienti, una (o massimo due ) foto del piatto finito, ed il link di rimando al tuo Blog.
2. Posta la ricetta completa sul tuo Blog, in modo che i tuoi affezionati lettori possano seguirti, con un link di rimando al Forum di GialloZafferano.
Ti chiedo solo di rispettare i termini di scadenza perché tutte le ricette postate oltre la data e l’ora di scadenza non saranno prese in considerazione ai fini del giudizio finale.
Una volta terminato il tempo di consegna delle ricette, una giuria di Vip si riunirà per decretare i primi tre classificati, quelli cioè che hanno saputo meglio esprimere lo spirito Natalizio attraverso la propria ricetta.
Se deciderai di partecipare al concorso, noi di Giallo Zafferano ti invieremo un simpatico gagliardetto da apporre in Home Page che attesta la tua partecipazione alla gara.
Ovviamente, tutti i nostri 45.000 utenti saranno sollecitati a gironzolare nelle cucine virtuali dei vari Blog partecipanti ed a lasciare dei commenti alle ricette in lizza per la vittoria.
Ti piace questa iniziativa?
Allora affrettati a confermare la tua iscrizione entro Venerdì 14 Novembre… vi aspettiamo numerosi!
Per maggiori informazioni puoi consultare il Regolamento Completo presente sul nostro Forum o il comunicato stampa.
Per qualsiasi domanda o richiesta considerami a tua disposizione.
Deborah

marinella ha detto...

Ciao Marisa, in effetti mia suocera faceva una torta del genere con la mela dentro, è stata la prima domanda che ho fatto ad Alessia il fatto della mela. Purtroppo la ricetta di mia suocera è sparita con lei, ma non mi sembra ci mettesse le nocciole. Baci

la belle auberge ha detto...

Ciao, Marinella. Questa versione della torta di pane mi sembra davvero spettacolare. Sul lago di Como ne viene offerta una interpretazione decisamente meno ricca: al pane ammollato nel latte viene aggiunta della frutta a dadolini, solitamente mele e pere, una manciata di uvetta sultanina (in stagione acini di uva fresca), un paio d'uova, qualche cucchiaio di farina bianca e gialla per addensare e alcuni ciuffetti di rosmarino, posti sulla superficie. Un dolce povero ma nutriente, ugualmente apprezzato da nobili e plebei.
a presto
eugenia

Anonimo ha detto...

a parte il fatto che ognuno di noi la personalizza come vuole, però la vera composizione della Torta Paesana (o turta de pan e lat)è:
pane raffermo (michette)
amaretti
uvetta
pinoli
ciccolato fondente(sostituibile da cacao amaro)
cacao dolce e amaro (più la quota sostitutiva del cioccolato fondente)
zucchero
latte.
Per quanto riguarda il burro ed il cioccolato, non si mettevano perchè costavano, mentre le uova
venivano utilizzate per altri scopi (barattare al mercato con altri prodotti)
LA PREPARAZIONE
Nel latte venivano messe le michette tagliate a quadratini e si lasciavano a bagno dalla sera prima in recipiente di terracotta. Lo zucchero veniva pestato nel mortaio e poi messo a bagno in un poco di latte per renderlo invisibile assieme all'uvetta. Si sbriciolavano gli amaretti con una bottiglia di vetro dentro uno strofinaccio e renderli quasi fini.
Il giorno dopo nel recipiente dove c'era il latte con il pane si aggiungevano gli amaretti, lo zucchero, l'uvetta, i pinoli,il cacao dolce e amaro,il latte zuccherato, un pizzico di sale per dare un retro gusto ed amalgamare il tutto aggiungendo latte fino a rendere l'impasto ne liquido ne asciutto.
Si metteva il preparato in una teglia(la torta era alta da 6 a 9 centimetri) sporcata con lo strutto ricoperto di pan grattato così da non far attecchire la torta sul fondo,ed infornare a 200° per circa 2 ore (fino a che lo stecchino rimaneva asciutto).
Alla cottura veniva tolta dal forno e lasciata raffreddare, poi veniva coperta con carta oleata(oggi va bene la pellicola/domopack)così da rimanere umida.
Il vino consigliato era quello prodotto in casa con l'uva americana

marinella ha detto...

Grazie Anonimo per il tuo contributo, magari la prossima volta firmati sarebbe più carino.