SCORZETTE CANDITE

Mi hanno regalato delle buonissime arance di Sicilia e non volevo sprecare nemmeno la buccia, quindi mi sono buttata sulla produzione delle scorzette candite.

Ci sono mille modi per farle, ma io volevo ottenere delle scorzette morbide e che rimanessero tali per parecchio tempo. Ho quindi deciso di conservarle nel loro sciroppo.



Ingredienti:

Bucce di arancia naturale non trattata
zucchero
acqua
1 pizzico di acido citrico (facoltativo)

Procedimento:

Lavare le arance, sbucciarle a spicchi, eliminare eventuali fili e parti brutte, poi con una forbice tagliare delle listarelle di circa 1 cm di larghezza
Mettere le bucce in un tegamino coperte di acqua e portare a bollore, far bollire per almeno 5 minuti, poi scolare le bucce e ripetere l'operazione per altre 2 volte, sempre cambiando l'acqua.
Questo procedimento è fondamenntale per eliminare l'amaro.
Scolare molto bene le scorzette e tamponarle per eliminare il massimo dell'acqua.
Pesarle
Rimetterle nel tegame con lo stesso peso di zucchero e il 50% di acqua (se per esempio le bucce pesano 300 grammi, aggiungere 300 grammi di zucchero e 150 gr di acqua)
Riportare a bollore, abbassare la fiamma e continuare la cottura controllandole, devono assorbire lo sciroppo ma non devono seccare, le scorzette devono rimanere morbide. 
Lasciar raffreddare, controllare la morbidezza, rimettere eventualmente sul fuoco e se occorre aggiungere altro sciroppo sempre una parte di zucchero e mezza di acqua (io ho aggiunto anche un pizzico di acido citrico nello sciroppo, ma solo un pizzico per non renderle troppo acide)
Una volta raggiunta la morbidezza desiderata (dipende dal tipo di bucce, può essere utile ripetere anche 3 volte, a me sono bastate due) 
Una volta ottenute la consistenza desiderata, si può decidere come usarle o come conservarle.

Si possono scolare bene, lasciar asciugare un pochino e poi passare nello zucchero semolato
Si possono immergere interamente o solo a metà nel cioccolato amaro
Io ho preferito invasarle in sciroppo per essere sicura che rimanessero morbide a lungo.
Per fare questo ho messo le scorzette in un barattolo, poi ho valutato quanto sciroppo fosse necessario per coprire le scorzette e, nella stessa pentola dello sciroppo residuo ho aggiunto acqua e zucchero (sempre nelle stesse  proporzioni) e ho fatto bollire, ho quindi versato sciroppo sufficiente a coprire le scorzette, lasciar penetrare e verificare se occorra integrare eventualmente, devono rimanere ben coperte.
Si possono già conservare così, il quantitativo di zucchero garantisce la conservazione, ma per sicurezza, conviene almeno procedere ad una bollitura, in questo modo si formerà il vuoto e si eviteranno contaminazioni.

Per usarle mi basterà sgocciolarle bene, tagliarle della misura che occorre e basta.
Dovrebbero essere perfette per fare un bel panettone con tante scorzette di arancia e cioccolato a pezzi grossi.

Commenti

Post popolari in questo blog

Orchidee Phalenopsis, consigli di coltivazione

Liquore ai fiori di Acacia (o Robinia)

SPEZZATINO DI MANZO CON VERDURE MISTE IN INSTANT POT