martedì 12 maggio 2009

Il raffreddore da fieno


Anche quest'anno non si scappa, chi soffre di raffreddore stagionale sta iniziando a sternutire.

Il raffreddore da fieno è un'allergia al polline delle graminacee (fieno, piantaggine, ...) delle erbacee (ortica, artemisia...) o di alberi (Betulla, nocciolo). Inizia in primavera e si protrarre fino all'estate fintanto che i livelli di polline restano elevati.



Nelle persone allergiche questo avviene perché la risposta immunitaria è inappropriata e porta ad un'infiammazione che genera il raffreddore. Come per tutte le allergie è il contatto che genera la reazione immunitaria. Il nostro sistema immunitario libera degli anticorpi per lottare contro l'allergene, ma anche dell'istamina dovuta all'infiammazione con tutto il corollario di sintomi quali: naso che cola, starnuti, occhi lacrimanti e pruriti. Questi sintomi possono essere anche confusi con un comune raffreddore, quindi il ricorso precipitoso agli anti istaminici può non essere raccomandato.

Ci sono tutta una serie di rimedi naturali che possono essere utilizzati per alleviare il raffreddore da fieno nel periodo critico oltre a naturalmente cercare di evitare se possibile il contatto diretto.

Ecco quindi un elenco di suggerimenti utili e qualche indicazione pratica:



- limitare al massimo le uscite nel momento di picco del polline cioè al mattino

- preferire le passeggiate subito dopo la pioggia visto che la concentrazione del polline è inferiore

- portare occhiali da sole durante il periodo di fioritura

- dormire a finestre chiuse per evitare al polline di penetrare soprattutto all'alba

- preferire vacanze al mare o in montagna

- ritirare tappeti e tende che attirano i pollini immagazzinandoli.

- cambiare le lenzuola dei letti almeno una volta a settimana

- evitare di far asciugare il bucato all'esterno

- i capelli assorbono moltissimi pollini, meglio sciacquarli la sera per evitare di dormire con questi ospiti indesiderabili

- evitare il contatto con il pelo degli animali



Questo elenco ad alcuni potrà sembrare ovvio, ma ho preferito citarlo perché sovente è l'accumulo che genera la reazione quindi se si riesce a ridurre le cause di reazione del nostro sistema immunitario si sta meglio. Anche chi non è solitamente allergico al pelo degli animali potrebbe essere più sensibile nel periodo dei pollini, ho personalmente notato questa cosa e cerco di ridurre il contatto con il nostro peloso di casa, anche se visto che in questo periodo occorre tosargli gli innumerevoli nodi di pelo invernale è abbastanza un problema.



Veniamo adesso ai rimedi :

(Attenzione, queste sono solo indicazioni che non vogliono e non possono sostituirsi al parere del medico curante)



- La vitamina C, non di sintesi ma di origine naturale, un grammo 3 volte al giorno per il suo effetto antiossidante sulle mucose

- la vitamina B5 che aiuta a decongestionare le mucose

- gli Omega 3 di cui dei pesci grassi come il pesce azzurro o il salmone che attenuano le infiammazioni alla gola.

- Un'altra sostanza interessante è la quercetina un flavonoide la cui azione viene rafforzata dalla vitamina C, si trova in molti alimenti quali le cipolle, i broccoli, il te nero e le noci.

- Anche la Bromelina ricavata dall'ananas che stimola la liberazione di prostaglandine anti infiammatorie aiutando a ridurre i pruriti e gli arrossamenti.

- Poi naturalmente anche il macerato glicerico di Ribes nigrum che rafforzando l'organismo aiuta ad affrontare le allergie riequilibrando il terreno allergico.



Naturalmente in commercio si trovano delle preparazioni che racchiudono diversi di questi componenti insieme come per esempio Quercetina, Bromelina e Vitamina C, quindi non è sempre necessario prendere vari prodotti diversi. Quello che però occorre considerare sempre è che, visto che siamo tutti diversi, occorre provare in quanto certe cose andranno benissimo per alcuni e faranno poco in altre.



Altre soluzioni che ci possono aiutare:



- prendere tutti i giorni ad ogni pasto e per tutto il periodo dei pollini, un cucchiaino di miele e 2 cucchiaini di aceto di mele diluiti in un bicchiere di acqua.



- con l'aromaterapia si può intervenire diffondendo nella camera da letto, un'ora prima di andare a dormire, la sinergia seguente: 10 gocce di Olio Essenziale di dragoncello, 10 gocce di camomilla matriarcaria (che hanno proprietà antiallergiche) e 10 gocce di pino di montagna che aiuta la respirazione.



- Non dimenticare poi l'aiuto che ci può dare l'omeopatia con per esempio Allium Cepa (per il naso che cola), Eufrasia officinalis (per gli occhi che lacrimano), Sabadilla (contro gli sternuti a ripetizione) tutti alla 9ch. Ce ne sono anche altri, queste sono solo indicazioni in quanto i prodotti omeopatici vanno presi unicamente sotto prescrizione del proprio medico omeopata.


4 commenti:

Luca and Sabrina ha detto...

Sapevamo della quercetina, ma non di tutto il resto. Per fortuna non soffriamo di allergie al polline, ma tanti dei nostri amici e colleghi sì e si imbottiscono di antistaminici, che comunque fanno quello che possono. Siamo personalmente molto a favore dei rimedi naturali, quando è possibile evitare medicinali. Per me ad esempio la tintura madre di propoli è una salvezza, dal momento che sono allergica a quasi tutti gli antibiotici.
Sempre molto interessanti i tuoi spunti, i tuoi consigli, soprattutto per chi, come noi, vuole cercare di imparare, di conoscere!
Un abbraccio da Sabrina&Luca

marinella ha detto...

Sabrina, se sei allergica agli antibiotici dovresti prendere in seria considerazione gli oli essenziali sono una vera benedizione divina. Ottimi anti virali, io li uso parecchio, naturalmente occorre imparare ad usarli bene sopratutto per via interna e trovare oli di buona qualità, ma sono una vera manna.
Ho convertito anche mia mamma, che ormai usa olio essenziale di chiodi di garofano ovunque, da quando ho iniziato a farglielo usare contro l'herpes labiale. Baci

Geanina Codita ha detto...

Testo, immagini e il messaggio che sono venuto per l'anima. Congratulazioni per il tuo blog.
http://translate.google.com/translate?js=n&prev=_t&hl=ro&ie=UTF-8&u=www.geaninacodita.blogspot.com&sl=ro&tl=it&history_state0=

marinella ha detto...

Grazie Geanina, Parli italiano?