giovedì 26 giugno 2008

Foglietti acchiappa colore

Tratto dalla newletter di Officina Naturae, ecco un'interessante spiegazione di come funzionano i foglietti acchiappacolore che usiamoa volte nel bucato.

Officina Naturae cosmetici e detergenti naturali tel/fax 0541-901063 www.officinanaturae.com

FOGLIETTI ACCHIAPPACOLORE

I foglietti acchiappacolore tanto pubblicizzati, sono realizzati attaccando ad un tessuto sintetico, dei tensioattivi quaternari epossilati cationici, cioè con carica positiva (+). Sono tensioattivi non biodegradabili e nocivi per gli organismi acquatici. Viceversa i colori utilizzati per i tessuti sono carichi negativamente (-). Quando in fase di lavaggio i tessuti perdono il colore, quest'ultimo viene "attirato", come una calamita, dal foglietto e si fissa su di esso. La quantità di colore fissato è tale che psicologicamente pensiamo di aver salvato il nostro bucato dal rosa generalizzato. In realtà il colore che si è liberato nell'acqua di lavaggio non si sarebbe fissato sui capi e non avrebbe causato alcun danno.Però noi vediamo il foglietto colorato e pensiamo che funzioni.
Gli stessi produttori sconsigliano l'uso del foglietto con i tessuti colorati che più facilmente rilasciano molecole nell'acqua di lavaggi (rosso, blu scuro). C'è da aggiungere che anche i tensioattvi presenti nei detersivi hanno spesso carica negativa (-) e quindi sono a loro volta attirati dal foglietto, riducendo la capacità lavante.
Interessante spiegazione vero?

martedì 24 giugno 2008

Aspartame e Glutammato

Ho letto questo articolo che mi è parso molto interessante, vi rimando direttamente sul sito di Promiseland e vi suggerisco di leggerlo con attenzione, perchè anche questo fa riflettere su cosa ci propinano.

giovedì 19 giugno 2008

I compleanni

Ecco! oggi tocca a Maurizia festeggiare il genetliaco e visto che non si dicono mai gli anni di una signora, sorvoliamo su questo dettaglio.

Maurizia è una giovanissima e bellissima persona, che ho il piacere di avere tra le mie amiche più care, piena di energia, di vitalità e di interessi.


Recita in modo amatoriale nella compagnia del Gatto in Tasca, con ruoli sempre brillanti, che si tratti di commedie in italiano o il piemontese. Vi assicuro che vederli recitare è sempre molto piacevole e divertente. Si interessa di medicine alternative (soprattuto energetica cinese), yoga e un sacco di altre cose.


Quindi cara Maurizia ti faccio tanti auguri anche da qui, in attesa di rivederti presto.
Naturalmente, spetta anche a te una torta virtuale. Bacioni.

lunedì 16 giugno 2008

Un'altro compleanno



Mi cospargo il capo di cenere, Giovedì è stato il compleanno di Loredana, una mia carissima amica, e mi sono dimenticata di farle gli auguri!!!!

Lory ti chiedo scusa ti faccio un mondo di auguri, che quest'anno sia splendido e pieno di belle sorprese. Un grosso abbraccio, in attesa di vederti presto eccoti una torta virtuale.


sabato 14 giugno 2008

E' ora di pensare alla grappa di ciliegie e al clafoutis


Siccome sui nostri mercati sono tornate le ciliegie e che visto il tempo non dureranno ancora a lungo, volevo ricordarvi di questo liquore, la ricetta la trovate qui con tutti i dettagli, pensate anche a raccogliere i peduncoli delle ciliegie stesse, perchè servono per un'ottima tisana diuretica da usare per la ritenzione idrica, molto utile per ridurre gli acidi urici derivanti da un'alimentazione troppo ricca di proteine animali.
Inoltre ricordate anche il clafoutis, quello di ciliegie è un grande classico ecco la ricetta qui.

lunedì 9 giugno 2008

Pollo nella terracotta

L'altro giorno avevo acquistato un mezzo pterodattilo nel negozio bio che frequento di solito. Pensate che mezzo pollo superava ampiamente il chilogrammo di peso. Lo vendono in confezioni sottovuoto spinto e si conserva molto meglio, ma naturalmente dovevo farlo andare e sullo slancio culinario di ieri ho aggredito anche lui.


Era già tagliato a pezzi ma dalla dimensione del fusello come minimo misurava un metro al garrese. Mi sono quindi inventata la ricetta seguente, che è piaciuta moltissimo.


Ho tirato fuori il cuocipollo in terracotta, e ci ho affettato al velo una grossa cipolla di tropea, su questo letto di cipolle ho accatastato i miei pezzi di pollo, salandoli e spolverandoli con erbe di toscana miste secche e olive nere liguri. Ho incoperchiato e messo nel forno caldo.

L'ho lasciato cuocere piano piano, senza aggiungere altro, ne liquidi, ne grassi, niente.


Ne è venuto fuori un pollo perfettamente cotto e saporito, accompagnato da un ottimo sughino che il pargolo ha "pucciato" come si dice da noi con il pane. Il fondo avanzato raffreddandosi ha dato una saporita gelatina che è servita oggi a pranzo per la preparazione di un risottino al volo.

Contrariamente a quanto temessi non era affatto grasso, si sarebbe visto una volta freddo e non ha praticamente dato lavoro di preparazione. Una cosa da rifare!


Sempre nessuna foto dell'opera, ma vi metto le foto di 2 contenitori perfettamente adatti per questo tipo di cotture. La mia assomiglia a quella chiara.

Il cartoccio in padella

Ieri ero in vena di esperimenti, mi sono esibita nella preparazione di un'orata al cartoccio tutto sommato banale, salvo per il fatto che si trattava di un pescione di bella prestanza che avevo scongelato e che doveva assolutamente finire in pentola.


Vi anticipo già che le foto mancano, perchè lo abbiamo divorato.





In pratica, l'ho squamato e ho tolto le pinne superficiali, poi l'ho generosamente spennellato con la mia salsina allo zenzero (questa ormai è un classico), per chi non la conoscesse trovate la ricetta qui, ho quindi salato con del sale alle alghe e agli aromi di mia produzione, ho aggiunto dei fiocchetti di un pesto di alghe acquistato la scorsa estate in Bretagna, e ho chiuso il tutto in un cartoccio di carta da forno che ho messo in una grossa padella chiusa bene con un coperchio.


Ho messo lo spargifiamma di ghisa sul fuoco e poi la padella e ho fatto cuocere a fuoco basso per una decina di minuti, poi ho scoperchiato, afferrato i bordi del cartoccio, ribaltato il mio pesce e fatto di nuovo cuocere 7/8 minuti coperto.





Fine, ho messo in tavola il cartoccio e non vi dico quanto era buono, tra l'altro pochissimo odore di pesce in casa, e poco lavoro per lavare la pentola e per buttare via i resti, è bastato mettere il tutto di nuovo nel cartoccio ed eliminare il tutto.





Trovo che le alghe siano eccezionali quando si cucina il pesce, perchè danno un aroma particolare, di mare, esaltano proprio il gusto. Per il sale alle alghe, ho usato delle alghe miste, tipo gli insalatini che si trovano nei negozi di prodotti naturali, e poi ho aggiunto vari gusti disidratati, carote, porro ecc. insomma un mix che si adatta a praticamente tutte le cotture di pesce compresi i court bouillon.

domenica 8 giugno 2008

Il meme delle cinque canzoni

Alcuni giorni fa, Mammazan mi ha invitata a partecipare a questo meme, ormai storpiato da tutti tanto è piaciuto.
Siccome non voglio essere da meno e che è da un po' di tempo che penso ad una mia personale compilation ideale, di quelle che vorrei sentire immersa nel solo ascolto, con le cuffie per isolarmi dal mondo, ho colto l'occasione per sconvolgere questo meme a mia volta.

Ecco quindi la mia compilation ideale, naturalmente parziale, perchè lo spazio non basterebbe, ma conto partire da qui per riempire un bel lettore mp3 di queste canzoni più tutte le altre che mi verranno in mente man mano, sono talmente tante quelle che trovo belle per un motivo o per un altro che alla fine è difficile decidere se queste sono veramente quelle migliori.


Sitting on the doc of a bay Otis Redding
It's a man's word James brown
Nights in white satin Moody Blues
Who wants to live for ever Queen
Why Annie Lennox

Si tu no vuelves M. Bosé e Shakira
Paid My Dues Anastacia

Respect Aretha Franklin
Tommy (tutto) Who

Bohemian Rapsody Queen
Princes of the univers Queen

Show must go on Queen
Let it be Beetles Beatles

Chan Chan Buena Vista Social Club
Corazon Espinado Santana
Fragile Sting

To be continued.....

Perchè manca Barbara Straisand, John Denver, Jonny Cash, tutti i Queen, tutto Sting, e molti altri ancora ma mi devo fermare

I biscotti buonissimi


La scorsa notte ho dormito malissimo, complice anche un temporale epocale, quindi stanca di stare sveglia, questa mattina mi sono alzata abbastanza presto, prima delle sette, con l'idea di fare i biscotti. La ricetta la trovate qui, ho naturalmente apportato piccolissime varianti, ma vi assicuro che il risultato è stato grandioso. Stanno andando a ruba, di questo passo dovrò rifarli presto, e se non fosse che contengono una dose di burro consistente ....

Comunque, la foto è la sua, mi sono permessa di rubargliela, perchè la mia macchina fotografica fa le bizze e devo sempre chiedere all'architetto la sua collaborazione e poi i suoi sono più belli.



Ecco le mie varianti: ho solo sostituito la farina bianca con quella integrale, e lo zucchero bianco con quello di canna aumentando a 250 grammi per compensare. Per quanto riguarda le uova invece, ne ho messe una e mezza soltanto perchè l'impasto diventava troppo umido diversamente, probabilmente a causa della farina integrale.



Ho steso la pasta tra due fogli di carta da forno spolverata di farina integrale e ho poi spostato i biscotti sulla leccarda del forno (sempre rivestita di carta) con una paletta, questa manovra tende a renderli un pochino meno regolari, ma visto che una volta sfornati si tagliano ancora molto bene, penso che la prossima volta stenderò la pasta direttamente nella leccarda, rigandola con la forchetta e poi taglierò i biscotti ancora caldi di forno.

lunedì 2 giugno 2008

Le mie orchidee - aggiornamento

Come ormai sapete tutti adoro le orchidee, in particolare le phalenopsis, anche perchè le trovo molto facili da tenere. Ripagano le poche cure che richiedono con una fioritura rigogliosa e molto duratura, ne ho alcune che sono fiorite da prima di Natale e sono ancora uno splendore.


Volevo farvi vedere le mie nuove due "bambine":







Queste invece sono alcune di quelle vecchie che sono ancora fiorite :




Dimenticavo di dire che sono arrivata a quota 12 esemplari di cui al momento 7 in piena fioritura e ho visto che le altre si stanno "muovendo" (vuol dire che ci sono dei piccolissimi boccioli che si stanno facendo) ma ci vorrà un pochino prima che diventino abbastanza grandi da sbocciare. Diciamo che i fiori attuali andranno avanti almeno un paio di mesi, perdendo man mano i fiori dalla base e facendo crescere i boccioli sulle punte, spero che quando queste andranno in riposo ci siano le altre a dare il cambio.

domenica 1 giugno 2008

Cronaca di una tentata alluvione

Ecco alcune foto della Dora in piena a Torino, fortunatamente in città non ha fatto i danni che ha fatto in alcune zone della periferia. Le foto sono state fatte dall'architetto lo scorso venerdì.




Fortunatamente questo ponte si può sollevare, ed è stato alzato di una cinquantina di centimetri per permettere alla piena di passare senza travolgerlo.


e per rallegrare un pochino ecco invece alcuni dettagli del giardino





Questa invece è la nostra pianta di carciofi che ostenta tutta una serie di esemplari in pieno sviluppo.