sabato 31 maggio 2008

Il mondo delle Api - seconda parte (finalmente)


Inizierò questo post con una presentazione dell'Azienda Agricola Colli, scritta da Luca Colli, il produttore di miele di cui vi ho parlato nel post precedente. Proseguirò poi con un pochino di storia e alcune considerazioni sul modo delle api, sempre di Luca.


"Mio padre Marco ha iniziato dal 1979 a dilettarsi con l'apicoltura, trasformando nel corso degli anni un hobby in una vera e propria professione.

Dal 2005, sulle sue orme, ho deciso di costituire l'Azienda Agricola con produzione di miele biologico certificato all'ICEA.

Una parte delle 150 arnie di proprietà vengono spostate durante l'anno per poter usufruire di varie fioriture.

I prodotti dell'Azienda sono: miele di ciliegio, tarassaco, robinia, castagno, tiglio, rododendro, millefiori; miele in favo e pappa reale per la quale l'azienda è associata alla CO.PA.IT (Associazione per la produzione e valorizzazione della pappa reale fresca italiana).

Inoltre, con la nocciola tonda gentile delle Langhe biologica, viene prodotta una prelibata crema di nocciole in miele di robinia.

Da ultimo ho ricevuto l'apprezzamento di Slow Food e segnalazione sul mensile Gambero Rosso.

L'azienda partecipa, portando arnie didattiche, a mercati, fiere ed eventi in Piemonte e Liguria tra cui si ricorda "Amel'Amel e il festival del miele di Sommariva Bosco."




Le api hanno, in ogni tempo, attirato l'attenzione degli uomini di ogni condizione. Contadini e re, si sono appassionati all'allevamento di questi insetti e nei saloni del settecento e dell'ottocento, era segno di distinzione mostrare una certa inclinazione per questa attività.

Fin dall'antichità, le civiltà hanno innalzata l'ape al rango di insetto sacro e non meno vasta era la sua importanza nella vita quotidiana.

La cera in particolare costituiva il principale combustibile da illuminazione. Questo prodotto figurò per molto tempo nei contratti di affitto feudali e monastici.

In un'epoca in cui lo zucchero passava per una derrata rara, il miele costituiva un prodotto indispensabile.

Così l'uomo intrattenne sempre relazioni privilegiate con le api.

Ma cosa succede oggi? e cosa ne sarà domani?

L'apicoltura conta su un numero crescente di adepti, cresce l'interesse verso i prodotti dell'alveare di cui si riconosce la purezza e la ricchezza, ma paradossalmente molti pericoli la minacciano. L'urbanizzazione, ma soprattutto l'agricoltura attuale, contribuiscono largamente alla trasformazione e all'impoverimento della flora.


Le monocolture intensive, la soppressione delle siepi, le terre dissodate e l'uso crescente dei trattamenti minacciano l'ape.

Intere colonie sono decimate da certi insetticidi che pure sono proibiti o severamente regolamentati.

L'agricoltura ha forse dimenticato il compito preponderante che questo insetto svolge nella impollinazione delle specie selvatiche o coltivate? Il valore economico di questo intervento naturale è inestimabile!

Miele di bellezza




Da sempre il miele fa parte della nostra farmacia naturale per proteggere, calmare e guarire. Viene assimilato perfettamente dal nostro organismo ed è quindi consigliato sia prima che dopo uno sforzo. Il miele contiene dei polifenoli che agiscono come anti ossidante e che contribuiscono a liberarci dai radicali liberi.

Le sue proprietà antibatteriche lo rendono utile anche come primo intervento in caso di piccole ferite. Conosciuto da sempre, stiamo oggi riscoprendo il suo lato anti infiammatorio.

L'uso di miele come prodotto di bellezza risale ormai alla notte dei tempi. Le sue proprietà addolcenti e calmanti per la pelle sono note, ma sono i suoi anti ossidanti che contribuiscono a ringiovanire la pelle e la presenza naturale di perossido di idrogeno ne fanno un buon prodotto di pulizia. Contiene sostanze idratanti e agisce sia sopra che sotto la pelle in quanto la sua ricchezza in zuccheri facilita il fissaggio delle molecole d'acqua che proteggono la pelle dalla disidratazione conservando elasticità e morbidezza.
Già nei tempi antichi veniva usato come cicatrizzante e antisettico.

Ed ecco una carrellata sulle proprietà di alcuni mili di singolo fiore:

Miele di Acacia (o di robinia) : Calmante, ricostituente, regolatore intestinale (contro la stitichezza) può essere somministrato anche ai bambini piccolissimi.

Miele di Biancospino: Antispasmodico, utile nelle cardiopatie, contro i crampi e le contratture

Miele di Erica: consigliato nei casi di anemia, di stanchezza, di convalescenza o di affezioni delle vie urinarie, diuretico, antireumatico ricco in sali minerali, contribuisce allo scioglimento dei calcoli , ideale in caso di litiasi biliare.

Miele di Castagno: accelera la circolazione sanguigna, contro le dissenterie

Miele di Eucalipto: Antisettico generale delle vie respiratorie e delle vie urinarie

Miele di Lavanda: Antisettico, ideale nei mal di gola e nelle influenze, tossi convulse, asma e ulcerazioni.

Miele di Manuka: Si tratta di un miele di non facile reperibilità, prodotto in Nuova Zelanda che ha eccezionali proprietà antibatteriche, anti infiammatorie e cicatrizzanti, adatto sulle bruciature, e le ulcerazioni, riduce i gonfiori, aumenta la circolazione sanguigna e la formazione di tessuto cicatriziale

Miele di Arancio: sedativo nervoso, antispasmodico, utile in caso di insonnia (soprattuto nei bambini)

Miele di Rosmarino: aumenta la secrezione biliare, stimolante epatico, utile in coso di asma, di difficoltà digestive.

Miele di Pino: nelle bronchiti e nelle malattie polmonari

Miele di Timo: Antisettico generale, stimolante delle funzioni digestive, tonico, facilita il tono muscolare e il recupero fisico.

Miele di Tiglio: Sedativo nervoso (facilita il sonno) calma le emicranie, i dolori gastrici e gli spasmi.

Miele di Tarassaco: conosciuto per le sue proprietà toniche e per la sua benefica azione nelle malattie del fegato e come regolatore intestinale.

In caso di Glicemia alta è sempre meglio farsi consigliare dal proprio medico, ma potete comunque farvi sedurre dalle sue proprietà benefiche per la pelle.

Ecco alcune ricettine di bellezza economiche e facili da realizzare:


Aggiungere alla vostra lozione lavante il 50% di miele, otterrete un prodotto di pulizia molto "dolce" e delicato che arricchirà la vostra base lavante.


Maschera tiepida al miele, fate fondere a bagno maria 2 cucchiaiate di miele con alcune gocce di limone e un cucchiaio di glicerina vegetale. Applicate questa maschera ancora tiepida con con pennello e lasciate agire per 1 minuti, poi eliminate con acqua tiepida.


Balsamo labbra ultra veloce: far fondere una noce di burro di Karité con altrettanto miele, mescolare bene il tutto e mettere in un vasetto.


Maschera capillare: 1 uovo, 2 cucchiaiate di miele, 2 di olio di vegetale adatto ai vostri capelli (l'olio di oliva va benissimo) mescolare, applicare e lasciare agire per 20 minuti prima dello sciampo

Il miele ha delle virtù schiarenti che daranno splendore alla vostra pelle e bei riflessi ai vostri capelli.


E adesso mi permetto di consigliare a tutti quelli che abitano in Piemonte o che passano da queste parti, un produttore di miele Biologico di ottima qualità che produce anche vari derivati come per esempio una buonissima Pappa reale, garantita Italiana freschissima, e una serie di preparazioni a base di miele e nocciola tonda : si tratta dell'Azienda Agricola di Luca Colli di Frosasco (TO) Luca è presente tutte le prime domeniche del mese al mercato biologico di piazza Palazzo di Città a Torino, nel prossimo post vi metto un po' di storia di questo produttore, scritta proprio da Luca. Io oltre al miele, mi rifornisco da loro di un'ottima cera d'api bio che uso nelle mie creme.

Comunicazione di servizio: oggi in Piemonte il tempo è stato più clemente e siamo riusciti a fare il bucato finalmente!!!

mercoledì 28 maggio 2008

Le previsioni del tempo

Sono sull'orlo della disperazione, ho appena controllato le previsioni del tempo per i prossimi giorni sul Piemonte...... Una vera disdetta, ne avremo ancora almeno per altri 10 giorni! In pratica sembra che a parte qualche schiarita del tutto temporanea verso il fine settimana, cosa tra l'altro aleatoria visto che dipende dalla velocità del vento ecc... le previsioni sono a pioggia e temporali per non so quanto tempo ancora! Oltre a vedere ormai crescere i funghi anche in casa, mi sta crescendo a dismisura anche il mucchio del bucato da fare. Avendo la fortuna di avere spazio per stendere fuori, non amo farlo in casa quindi è una cosa che evito il più possibile.

Con queste previsioni sarò costretta a stendere in tavernetta, sugli stendini, accendendo il camino per aiutare l'asciugatura se non voglio correre il rischio di esaurire il guardaroba!


lunedì 26 maggio 2008

Ebbene si! Piovono premi!

Non so più cosa dire, sono commossa, addirittura 3 in un colpo solo!

Ho ricevuto la coppa da : Tabatuga, Gatadaplar e Valverde.



Ragazze mi fate commuovere troppa grazia, potrei anche abituarmi sapete?

Come dicevo proprio del post precedente, è difficilissimo premiare (non perchè non ci sarebbero le persone, anzi) molte sono le persone che sono acclamate a furor di popolo e con tutti i meriti, Ma per evitare di ripetersi e per come interpreto io questi premi, mi piacerebbe anche approfittare per far conoscere dei blog che io ho scoperto da poco o che mi piacciono particolarmente anche se trattano argomenti diversi.

Quindi oltre a ringraziare nuovamente per questi apprezzamenti vorrei premiare 3 blog alternativi :

Due cuori e una Gatta webcomic che ha appena compiuto 3 anni e che oltre ad essere molto simpatico pubblica delle bellissime foto di amici felini.

Eriadan che con le sue strip quotidiane mi fa sempre molto ridere, e mi stupisce per il suo acume.

L'orso Ciccione con la sua perfida gatta bastarda, coppia assolutamente perfetta.

E....

Cotto a vapore Appena scoperto, sono convinta che sia il blog di una bellissima persona, che ha tanta voglia di fare e che merita di essere conosciuta.












domenica 25 maggio 2008

Ma quanti premi!


Sono molto contenta, ma anche imbarazzata, ho ricevuto un premio da Niky di Pastaenepal, con questa motivazione:


Ilcalderonedimarinella. Cuoca, naturopata, amica gentile e generosa questa è Marinella e come lei è il suo blog.


Grazie Niky sei troppo gentile.


Adesso sono in difficoltà per assegnarlo, le persone sarebbero veramente tante, e alcune lo hanno già ricevuto, quindi non vorrei ripetermi.

Mi butto e lo assegno a:

Graziella di TveTv

Monia di Gatadaplar

Dede di Varie ed eventuali

E a tutti coloro che leggono queste mie elucubrazioni, a volte troppo lunghe, e che approfitto per ringraziare perchè siete tanti e mi fa tanto piacere.

Ho omesso le motivazioni in quanto credo che il premio parli da se.


sabato 24 maggio 2008

I compleanni

Questa sera, ci siamo piacevolmente ritrovati tra amici ed ormai ex colleghi per festeggiare. Siamo un piccolo nocciolo duro di ex colleghi, ormai sparpagliati in ogni dove, ma ci troviamo sempre con molto piacere.

L'occasione di questa sera era il compleanno di Marina, che con l'occasione ci ha anche annunciato una lieta novella.


Quindi Marina, un mare di auguri per i tuoi primi 40 anni e, uno speciale in bocca al lupo per i prossimi mesi, siamo tutti in trepidante attesa.

Questa torta virtuale è per te.


mercoledì 21 maggio 2008

Acqua di Rose



E anche il primo idrolato di rose è andato! ne ho fatto circa un litro, può sembrare poco, ma occorre riempire i cestello di petali di volta in volta e servono parecchie rose, per produrre questo l'ho riempito 3 volte. Non mi sembra male, non ha un profumo intensissimo, probabilmente perchè ho usato rose sulle quali era piovuto, ma mi dispiaceva perderle. Diciamo che questa volta ho un idrolato "all'acqua di rose"! Comunque l'importante non è il profumo, che può all'occorrenza essere rafforzato con una goccia di olio essenziale, ma proprio l'idrolato stesso, che ha delle proprietà emollienti e calmanti.


Se il tempo si rimette un pochino potrei sfruttare quelle che ora sono in bocciolo, anche perchè se continua a piovere come sta facendo, mi si rovinano anche i boccioli e dovrò attendere un po' prima che ci sia un'altra ondata di rose profumate in giardino. E poi non posso dedicarmi neanche alla distillazione delle altre cose, uffa!!!!




Intanto che attendevo che il vapore facesse la sua parte, ho preparato una nuova dose del mio dado vegetale, se volete la ricetta la trovate qui


martedì 20 maggio 2008

A proposito di distillazioni

Quest'anno ho iniziato il periodo delle distillazioni con uno splendido idrolato di fiori di arancio.

Anni fa, in seguito ad un'offerta fatta all'associazione per la ricerca sull'anemia mediterranea, ricevetti in cambio un alberello di arancio. Avendo una serra lo ritiriamo regolarmente tutti gli inverni e all'inizio della primavera ci regala una profumatissima fioritura. Purtroppo i frutti che ne derivano non sono molto saporiti, comunque perchè niente vada sprecato ho raccolto pazientemente quasi tutti i fiori e li ho distillati, ho ottenuto un idrolato di fiori d'arancio spettacolare, dal profumo intensissimo, l'ho imbottigliato e messo in frigorifero e ieri sera gli ho aggiungo un pochino di alcool per garantirne la conservazione. Non vi dico il profumo che emana la mia bottiglia. Ne ho prodotto solo mezzo litro quindi dovrò risparmiarlo, ma sarà sicuramente un ingrediente delle mie prossime creme cosmetiche, anche se credo che potrei usarlo anche per aromatizzare qualche crema dessert. Mmmmmmm! che meraviglia...
(foto tratta dalla rete)

lunedì 19 maggio 2008

Giardino Botanico di Rea


Ieri pomeriggio, approfittando di una tregua del maltempo siamo andati a fare una passeggiata al Giardino Botanico di Rea. Si trova in via Giaveno 40, frazione San Bernardino di Trana in provincia di Torino ed è aperto dal 1° maggio al 30 settembre dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12 e dalle 13 alle 17.00, domenica e festività dalle 14 alle 19.00. E' stato acquistato dalla Regione Piemonte nel 1989 per integrare il patrimonio del Museo Regionale di Scienze Naturali di Torino, al fine di promuovere la diffusione della cultura scientifica, incentivando l'interesse della popolazione per le scienze naturali. Per dettagli sulle loro proposte di visite guidate nelle diverse stagioni : http://www.regione.piemonte.it/museoscienzenaturali




Il giardino dispone di una collezione molto interessante di iris ornamentali antiche che comprende quelle ibridate tra gli anni sessanta e ottanta. Nel 2007 questo nucleo è stato arricchito con iris ibride antiche italiane, grazie al paziente lavoro di ricerca e analisi di Patrizia Verza Ballesio sia presso il Giardino dell'Iris di Firenze, sia pressi gli eredi dei più importanti ibridatori italiani che conservano queste iris nei loro giardini.



Tutte queste iris sono state disposte in aiuole tematiche e roccere con fioritura graduale da febbraio a giugno. La collezione di iris ibride allestita a Rea permette oggi una miglior conservazione delle iris storiche italiane e nuovi studi su queste varietà.


Oltre alle varie Iris multicolori dispongono anche della famosa iris pallida, quella il cui rizoma seccato è molto ricercato in profumeria per l'aroma di violetta che emana, viene anche utilizzato come fissatore di profumi, richiede però di seccare per un certo numero di anni prima di arrivare a maturazione e di emanare il caratteristico profumo, all'inizio del secolo scorso la polvere veniva usata anche come cipria.




Oltre alle Iris, il giardino ospita due serre a clima differenziato dove vengono coltivate varie piante esotiche, succulente e carnivore. Nelle aree esterne si possono inoltre trovare collezioni tematiche di piante officinali, ornamentali, alberi e vasche con piante acquatiche e palustri.



Ieri al Giardino di Rea era presente in via eccezionale anche l'acquarellista botanica Maria Rita Stirpe, rubata per 2 giorni all'Orto Botanico di Padova dove espone fino alla fine di Maggio.


Io non potrò andare a visitare l'orto Botanico di Padova prossimamente, ma suggerisco caldamente a coloro che abitano la zona di andare a farci un giro in questo periodo, troverete oltre alla ricca esposizione di piante, anche la mostra di pittura della Signora Stirpe che vale da sola una visita. Se non mi credete fatevi un giretto nel suo sito, il link qui. Nel frattempo mi sono comprata il catalogo della mostra di Padova perchè è veramente una bravissima artista.









In conclusione direi che il Giardino di Rea merita una passeggiata, son sufficienti un paio di ore e la domenica o su prenotazione ci sono delle guide a disposizione che possono illustrare le caratteristiche delle varie piante ospitate.
(Le foto sono tutte dell'architetto)







martedì 13 maggio 2008

Un pomerigio in Fiera - Integrazione

Quando ho raccontato dei libri che avevo acquistato non ho parlato di quello che l'architetto si era comprato, anche perchè non ha preso molto, anche lui preferisce le librerie, nelle quali tra l'altro può usufruire di alcuni sconti non applicati in fiera.

Mi sembrava in effetti di aver preso poco, eppure il carrello era così pesante al ritorno!

E' vero che c'erano anche alcuni cataloghi, un lettore di CD portatile ricevuto in omaggio e altre paccottiglie, ma avevo omesso un libro molto importate, che ho acquistato per vedere se mi aiuterà a colmare gli enormi buchi che ho in materia:

domenica 11 maggio 2008

I miei corsi - aggiornamento

Questo fine settimana ho seguito un corso introduttivo di Psicobiotica. Si tratta di una disciplina piuttosto nuova, che viene insegnata solo nella mia scuola. All'origine si chiamava psicobiologia, perchè trasmette una tecnica per individuare quali sono i traumi (anche psicologici) subiti nel corso della vita e che hanno generato dei problemi fisici.
La cosa strana è che contrariamente a quanto può far sembrare il nome, si prendono principalmente in conto i problemi fisici e tramite quelli, con l'ausilio di un certo numero di raggruppamenti in categorie (12) si risale al problema più significativo (cioè al problema che disturba di più) questo anche se la persona interessata non accenna apertamente al suo conflitto interiore.
Come dicevo si tratta di una tecnica nuova ma già ampiamente collaudata che, una volta che ci ha permesso di individuare il problema, ci permette di gestirlo con tutte le tecniche naturopatiche e con il supporto di 12 soluzioni bevibili, che sono a base di macerati glicerici, tinture madri e fiori di bach premescolati.
Al momento sono solo alle prime armi, e per padroneggiare questa tecnica perfettamente occorre fare una specializzazione abbastanza lunga, quindi la rimanderò a più avanti, al momento ho già troppa carne al fuoco e preferisco soprassedere, ma con il tempo mi piacerebbe approfondire. Per ora mi sono presa il libro e mi limiterò ad utilizzare le cose che ho acquisito fino ad ora.

venerdì 9 maggio 2008

Un pomerigio in Fiera

Come ormai sapete tutti, in questi giorni a Torino c'è la Fiera del Libro, manifestazione che non manchiamo praticamente mai.

Quindi, oggi pomeriggio ci siamo avviati, l'architetto ed io, per la nostra consueta visita, bellicosamente armati, io di carrellino e l'architetto della sua immancabile macchina fotografica. Devo dire che ormai sono in tanti a portarsi dietro il carrello della spesa (molto più pratico se si desidera svaligiare il posto).


A metà del pomeriggio poi ho avuto il piacere di incontrarmi (per la prima volta) con Lei, una dei miei miti in fatto di blogger, accompagnata dalla sua coniglietta (molto carina!), e con Lei di cui non sapevo niente ma che ho scoperto essere simpaticissima e oltretutto anche abitare la mia zona. Sono affascinata da questi incontri, con persone che non ho mai visto prima, ma che sembrano essere cosi vicine e affini. Era come se ci conoscessimo da sempre. Insomma mi è venuta voglia di approfondire la loro conoscenza. Oggi abbiamo chiacchierato piacevolmente per una mezz'oretta, ma il salone non era certo il posto ideale. Comunque sono stata felicissima di incontrarle e spero proprio di poterle rivedere in un occasione più favorevole.

Ho avuto la sensazione che il salone fosse leggermente sotto tono in confronto agli anni scorsi, mi è venuto il dubbio che sia a causa del fatto che Israele era l'ospite d'onore. Non vorrei che alcuni espositori non si siano fidati a venire. Comunque questo non mi ha impedito di fare man bassa su tutta una serie di libri ed affini. Io non devo entrare nelle librerie, perchè occorre legarmi. Ultimamente, visti gli studi che sto facendo sono un pochino monotematica nelle mie scelte, ma anche se ho cercato di non farmi prendere la mano, ecco quello che ho acquistato:

Il massaggio con gli oli essenziali (non poteva mancare vista la mia passione per gli oli essenziali)



DVD di Tui-na e micromassaggio cinese - agopuntura senza aghi e bilanciamento energetico - (di uno dei miei docenti)





DVD di Kinesiologia tradizionale - L'arte del riequilibrio energetico e psico fisico - (di un'altro dei miei docenti)



e poi, perchè qualche cosa di cucina non poteva mancare:


Dolcezze senza latte e senza uova e Dolcezze senza glutine di Deborah Castro